Le responsabilità del Sessantotto

La famiglia è sotto attacco. Da una parte teorie imprevedibili, ma di quelle lasciamo che ne discutano persone più qualificate. Dall’altra, a ogni tristissima notizia riguardante i giovani (e purtroppo ogni giorno ce n’è una) viene tirata in ballo l’educazione, la fine dei valori, l’incapacità dei genitori, della scuola ecc…

È tutto vero, ma ora sperando di essere chiara, guardo il problema da un punto di vista diverso. Chi conosce i quarantenni o cinquantenni di oggi non può avere una visione così totalmente negativa sul modo in cui affrontano le problematiche educative. Chi li incontra e parla con loro vede giovani che corrono, sono ansiosi, si interrogano e chiedono aiuto. Non tutti, ma tanti.

Questi giovani genitori fanno molta fatica, anche perché sono i figli dei settantenni che respirarono, più o meno, l’aria del ‘68. Aria in cui da ogni pulpito psicologico, accanto a validissime nuove concezioni, si predicava che il papà e la mamma dovevano essere gli amici dei propri figli. Aberrante.

E oggi i figli di questi “amici” debbono educare i propri ragazzi, con serietà e rigore, assumendosi anche la responsabilità di dire dei «no» quando magari loro non li hanno ricevuti. Per motivi di spazio mi interrompo, ma il discorso continua. Nel frattempo, pensiamoci.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments