Una veduta di Palazzo Bonaccorsi

Un progetto all’insegna dell’arte, dell’architettura e dell’educazione quello che prende il via in questi giorni con i ragazzi delle terze medie dell’Istituto comprensivo «Enrico Fermi» di Macerata, promosso dall’associazione culturale Punto ed a Capo. «L’architettura e per i più piccoli è stata da sempre elemento fondante della nostra attività, sin da Macerata Moderna. Sensibilizzare, dunque, i ragazzi alla qualità dello spazio è uno degli elementi che, a nostro avviso, può migliorare la qualità della vita, in un futuro, forse neanche così lontano». Così il presidente dell’associazione, l’architetto Michele Schiavoni, spiega le finalità del progetto denominato «Progettare il futuro: tra arte ed architettura», che prevede lezioni frontali, uscite didattiche e laboratori con gli studenti.

L'architetto maceratese Paolo Castelli
L’architetto maceratese Paolo Castelli

Il programma prende il via mercoledì 13 gennaio, con la visita guidata al Liceo Artistico di Macerata, a cura di Anacleto Sbaffi, docente presso lo stesso istituto, e una lezione con brevi cenni sull’architettura del ‘900 tenuta da Michele Schiavoni. Il secondo appuntamento, invece, giovedì 25 febbraio, prevede una lezione frontale su scultura e pittura del ‘900 svolta da Sandro Piermarini, vice presidente di Punto ed a Capo. L’ultimo appuntamento in programma sarà invece martedì 22 marzo con le visite guidate alla chiesa di Consalvi, alla Casa del Pendio alla Cimarella e a Palazzo Bonaccorsi, curate da Alessandro Nardi, Paolo Castelli e Sandro Piermarini. 

I laboratori in sede saranno invece tenuti da Miriana Mazzolini e Santa Guardarucci, entrambe docenti dell’istituto «Fermi».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments