Una petizione per salvare la ricerca in Italia

L'appello alla sottoscrizione è promosso da sessantanove scienziati italiani su invito del fisico teorico Giorgio Parisi

Più si fa ricerca, più si cresce, più si aggancia la tanto invocata ripresa. L’Italia insegna, al contrario però: il nostro è tra i Paesi dell’Unione Europea e del G20 a spendere meno in Ricerca e Sviluppo, con un investimento nel 2013 pari all’1,26% del Prodotto Interno Lordo. Siamo al di sotto del Portogallo (1,37%), dell’Ungheria (1,41%) e della Repubblica Ceca (1,92%), oltre un punto in meno rispetto alla media europea (2,36%) e quasi due punti sotto il limite ideale del 3%, fissato da Bruxelles tra i suoi cinque obiettivi previsti dalla strategia europea 2020.

dati sui finanziamenti in ricerca e sviluppo in percentuale sul PIL collocano l’Italia agli ultimi posti tra i paesi Oecd (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico). Il Sistema universitario Italiano è da anni sottofinanziato e il fondo di finanziamento ordinario alle università è in continua discesa dal 2009 a oggi. I fondi per la ricerca di base italiana, distribuiti, secondo un criterio competitivo, ai progetti scientifici giudicati più validi, sono dieci volte di meno di quelli della Francia.

image (1)Per questo motivo 69 scienziati italiani hanno scritto una lettera, apparsa sull’autorevole rivista scientifica “Nature” il 4 febbraio scorso, e su invito di Giorgio Parisi, fisico teorico di fama mondiale, docente all’Università La Sapienza di Roma, hanno sottoscritto una petizione diretta alla Commissione europea e al Governo italiano. Tra i primi firmatari, oltre a Parisi, Giovanni Ciccotti,  Duccio Fanelli, Vincenzo Fiorentini, Stefano Ruffo e numerosi altri. Gli scienziati invitano l’Unione Europea a fare pressione sul Governo Italiano perché finanzi adeguatamente la ricerca in Italia e porti i fondi per la ricerca a un livello superiore a quello della pura sussistenza.

L’Europa chiede attualmente ai governi di rispettare i limiti sul bilancio, ma dovrebbe con altrettanta forza pretendere dai governi nazionali una soglia minima di finanziamento alla ricerca, come richiesto dal trattato di Lisbona. Importante, perciò, è diffondere la notizia di questa iniziativa degli scienziati italiani, di grande rilevanza, e al contempo firmare la petizione per tentare di salvare la Ricerca in Italia, utilizzando il seguente link: https://www.change.org/p/commissione-europea-e-governo-italiano-salviamo-la-ricerca-italiana?recruiter=486413354&utm_source=share_petition&utm_medium=copylink

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments