viene promosso da Alleanza contro la povertà il seminario informativo e formativo volto a presentare le proposte concrete per fronteggiare le situazioni di fragilità sociale presenti sul nostro territorio regionale. L’appuntamento è per giovedì 25 febbraio, alle ore 15, presso il Palazzo Li Madou della Regione Marche, ad Ancona.

unnamedL’Alleanza contro la povertà, quale rete di forze sociali e associazioni del Terzo settore impegnate a promuovere il Reis e le misure individuate dall’Alleanza contro la povertà a livello nazionale, nonchè a mettere a punto specifiche misure per contrastare l’esclusione economica e sociale nella nostra regione, è sottoscritta da numerose sigle coinvolte nel tessuto sociale e assistenziale promotrici dell’iniziativa, quali: Acli Marche, Caritas Marche, Cisl, Cgil e Uil Marche, Csv Marche, Azione cattolica Marche, Confcooperative e Meic Marche, Gruppi di Volontariato Vincenziano, Banco alimentare e Banca Etica.

Ad aprire i lavori sarà Fabio Corradini, coordinatore dell’Ufficio Politiche sociali e Welfare delle Acli Marche, che interverrà su «L’Alleanza contro la povertà nelle Marche: obiettivi e proposte». Quindi, seguirà il contributo di Franco Pesaresi, membro del Comitato nazionale di studio del Reis e Direttore Asp «Ambito 9» Jesi, su «Lo strumento del Reis». Sarà poi la volta di Lorenzo Lusignoli, Cisl nazionale e membro del Gruppo tecnico dell’Alleanza contro la povertà in Italia: a lui il compito di parlare di «Legge di stabilità e risorse a tutela della povertà».

Modera l’incontro Simone Breccia, responsabile Welfare di Caritas Marche.

Nelle Marche, secondo i dati Istat, la crisi ha fatto salire la percentuale delle famiglie povere da 5.4 % delle famiglie residenti del 2008 all’8.4 per centro nel 2013

Di seguito, è previsto il dibattito alla presenza dei referenti per le politiche sociali della Regione Marche e dei rappresentanti Anci Marche. Durante il Seminario gli interlocutori dell’Alleanza contro la povertà nelle Marche saranno, in modo particolare, proprio loro: i tecnici e politici della Regione con incarichi nei servizi sociali, nonché i rappresentanti dell’Anci Marche, con l’intento di individuare possibili strategie, progetti e linee di azione su cui collaborare sinergicamente e tempestivamente.

povert«La notizia dell’ultim’ora che siamo in grado di dare – aggiunge Fabio Corradini – è che interverrà, a nome del Governatore, anche un delegato ufficiale della Regione Marche. Questa iniziativa racchiude la positiva volontà di fare rete tra pubblico e privato: l’auspicio, quindi, è che emerga un confronto costruttivo per comprendere insieme le prospettive che si delineano per il futuro». In ambito regionale «una rete attiva garantita dall’impegno e dal supporto delle varie associazioni del Terzo Settore esiste già», riferisce inoltre il coordinatore di Acli Marche e ora «nel dialogo con il pubblico vorremmo comprendere verso quale direzione procedere, quali ulteriori sperimentazioni poter attuare e su quali risorse concrete da parte della Regione poter contare».

Secondo il rapporto sulla povertà dell’Istat del 2015, infatti, in Italia tra le famiglie residenti che si trovano in condizione di povertà assoluta si contano più di 4 milioni di persone, circa il 6.8 % della popolazione residente. La povertà relativa è stabile nel 2014 al 10.3 % del totale delle famiglie residenti, pari a 7 milioni e 815 mila persone.

Free meals are served in a "soup kitchen" run by the Sant'Egidio Christian community in Rome September 17, 2008. The euro zone's third largest economy, Italy has been one of its most sluggish performers for more than a decade, and has suffered more than most of its partners from surging oil prices, a strong currency and the international slowdown. Statistics show that Italy is growing older and poorer while the economy underperforms its European peers. To match feature FINANCIAL-ITALY/POOR REUTERS/Tony Gentile (ITALY)

Nella nostra regione, la crisi ha fatto sentire maggiormente i suoi effetti facendo salire la percentuale delle famiglie povere da 5.4 % delle famiglie residenti del 2008 all’8.4 per centro nel 2013. Un aumento di 3 punti percentuali che rende urgente la necessità per istituzioni e organizzazioni sociali e sindacali di mettersi in rete e adottare delle strategie comuni, al fine di intercettare più rapidamente possibile le situazioni presenti nelle Marche che richiedono un intervento e, dove possibile, di adottare delle misure di prevenzione.

Gli interventi previsti nella Legge di Stabilità appena varata dal Governo – anche su sollecitazione dell’Alleanza contro la povertà in Italia -costituiscono un importante passo in avanti nella lotta contro l’esclusione sociale, ma tanto può essere ancora fatto, anche nella nostra Regione. Pertanto, l’ideazione di un seminario regionale con l’obiettivo di costruire un sistema stabile di relazioni tra soggetti delle istituzioni pubbliche, Terzo settore e forze sociali può rappresentare un ulteriore occasione per premere l’acceleratore nella messa in pratica di azioni mirate contro la povertà.

Per ulteriori informazioni sul seminario è possibile consultare il sito www.aclimarche.it contattare la Segreteria organizzativa di Acli Marche ai seguenti recapiti: 071 2868717 – 3888710392 – marche@acli.it

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments