L’Alberghiero candidato d’eccellenza a Istituto superiore del Turismo

Il sindaco Saltamartini rivendica il lavoro svolto in favore delle politiche del lavoro e della formazione

Per “politiche attive sul lavoro” si intendono quelle azioni tese al reinserimento lavorativo di chi è disoccupato o è alla ricerca, come nel caso dei giovani, di una prima occupazione. In questo settore, tra il 2005 e il 2015, la Germania ha investito cento volte di più di quanto fatto in Italia, raggiungendo dei risultati positivi nel mercato del lavoro.

Nella società attuale, il Welfare non riguarda più e solo gli ammortizzatori sociali, la cassa integrazione e il sostegno al reddito. La partita più importante è quella che si gioca sul campo della conoscenza, in merito all’adeguamento dell’offerta lavorativa sul mercato del lavoro e rispetto alle imprese, sempre più affamate di manodopera specializzata. A Cingoli, l’Amministrazione comunale ha cercato, su questo fronte, di valorizzare al massimo, l’offerta dell’Istituto Alberghiero, per sfruttare meglio l’Economia del Turismo.

Il sindaco Filippo Saltamartini
Il sindaco Filippo Saltamartini

«Lo abbiamo fatto investendo in conoscenza – afferma il sindaco Filippo Saltamartini -, non senza enormi sforzi e contenziosi, riuscendo tuttavia a strappare, solo per fare un esempio, un corso serale che potesse fornire risposte importanti sulla riqualificazione e il ricollocamento lavorativo di alcune persone non più in età scolare. Inoltre, enormi risorse sono state impiegate sul piano strutturale, grazie alla realizzazione del nuovo convitto». Il sogno coltivato dal Comune è, però, quello di portare a Cingoli un Istituto superiore del Turismo. Nei giorni scorsi, a Fano, si è svolta la cerimonia per l’avvio di un primo Corso Regionale di questo genere. Si tratta di un Corso para-universitario di altissima specializzazione, ovvero ciò che tutte le Agenzie economiche internazionali rimproverano all’Italia di non avere.

L’assessore regionale Loretta Bravi ha sostenuto come la regione Marche punti molto su queste tematiche e, in tal senso, Saltamartini sottolinea come «il Comune di Cingoli sia stato il primo nelle Marche a essere stato partecipe di questo progetto, insieme alle Province di Macerata e di Pesaro e ad altri Istituti scolastici del territorio. Persino il Comune di Fano, che è già partito con la prima scuola superiore – ha aggiunto il Primo cittadino – ha aderito al progetto subito dopo».

DSC_0040

La preoccupazione della Giunta regionale è adesso rivolta alla scelta della città dove la Regione dovrebbe stabilire, nel sud delle Marche, la realizzazione di un secondo Istituto Superiore: «Giungono le candidature del Commissario Prefettizio di Porto Recanati e di qualche altro Sindaco – questo il commento di Saltamartini, che poi si domanda-, è questa l’icona della politica improvvisata a governare cambiamenti così radicali sull’esercizio del diritto fondamentale al lavoro? Cingoli si è preparata da tempo, con mezzi, strutture, capacità e, sopratutto, con l’impegno dei dirigenti e del Corpo docente dell’Istituto Varnelli. In tal senso, dunque, l’Alberghiero di Cingoli – conclude – è e deve essere considerato al primo posto per rating di affidabilità e competenza».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments