Per il secondo anno consecutivo, nelle regioni che costituiscono il Distretto 2090 del Rotary International, (Abruzzo, Marche, Molise e Umbria), è stata realizzata una manifestazione unica e particolarmente significativa: il Coralmente Rotary, l’iniziativa musicale ideata per raccogliere fondi per il progetto della  Rotary Foundation  denominato “End Polio Now” volta all’eradicazione della poliomielite in tutto il mondo.

In occasione del 111° anniversario di fondazione dell’organizzazione filantropica internazionale, in tutti i 67 club del distretto 2090 e non solo, visto che quest’anno sono state coinvolte anche altre regioni italiani, si sono svolti tanti concerti corali con la stessa causa per raccogliere fondi per questa importante finalità. Ma l’iniziativa non termina con il concerto, perché ogni repertorio musicale proposto doveva prevedere un brano dedicato al Rotary che è stato videoregistrato e che sarà messo in concorso oltre a essere inserito in un cd audio a ricordo dell’iniziativa oltre che sul sito web del Distretto.

Nel 1988, anno in cui è partita la campagna “End Polio Now” del Rotary, i paesi polio-endemici erano 125, mentre 71 quelli in cui era stato debellato il virus. Nel 2015 solo due Paesi restano polio-endemici: Afghanistan e Pakistan. Per ottenere questo importantissimo risultato che però non soddisfa l’organizzazione, i Rotariani hanno aiutato ad immunizzare oltre 2.5 miliardi di bambini contro la polio in 123 Paesi. Sono sufficienti appena 60 centesimi di dollaro per proteggere a vita un bambino dalla poliomielite, una malattia virale altamente contagiosa che invade il sistema nervoso nel giro di poche ore, distruggendo le cellule neurali colpite e causando una paralisi che può diventare, nei casi più gravi, totale.

«Il canto esprime gioia di vivere – sottolinea Stefano Clementoni, presidente della sottocommissione distrettuale raccolta fondi che ha ideato il progetto – ma l’iniziativa rappresenta anche un lavoro di squadra».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments

CONDIVIDI
Articolo precedenteGiovedì della seconda settimana
Prossimo articoloFinale provinciale di Tennis tavolo per i ragazzi di Porto Recanati
Sono nato nel 1970. Oltre agli studi musicali presso il Conservatorio Statale di Musica "G.Rossini" di Pesaro e alla laurea in ingegneria, ho conseguito i diplomi al Co.Per.Li.M. e al corso biennale "Giovanni Maria Rossi" per direttore di coro liturgico della Conferenza Episcopale Italiana. Collaboro con la Sezione Musica per la Liturgia dell'Ufficio Liturgico Nazionale della Conferenza Episcopale Italiana. Sono docente dei corsi di Musica Liturgica On Line e del COPERLIM. Sono vicedirettore dell'Ufficio Liturgico della Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia. Dal 1993 sono maestro direttore della Cappella Musicale della Cattedrale di Macerata.