Vandalismo: identificati gli autori dei danni ai locali della Protezione civile

La Polizia municipale ha identificato gli autori che hanno danneggiato la cancellata di ingresso dei locali della Protezione civile di Cingoli. Ignoti, nei giorni scorsi, avevano divelto il braccio della chiusura elettrica del cancello ed avevano pure reciso il cavo dell’elettrificazione del manufatto. Avviate le indagini, gli autori sono stati inchiodati dalle immagini delle telecamere predisposte dai vigili urbani.

Il cancello danneggiato
Il cancello danneggiato

In realtà, gli atti di vandalismo, hanno assunto negli ultimi tempi connotati abbastanza significativi e questa indagine appare, dopo l’educazione e la cultura, l’unica attività diretta a stroncare questo triste fenomeno. Infatti, più volte è stata danneggiata la staccionata in zona Portella ed altri segnali e arredi urbani hanno subito la stessa sorte. Lo scorso anno a Villa Strada alcuni ragazzi avevano strappato le telecamere installate all’interno del Plesso scolastico, ma le immagini anche in quel caso, hanno registrato per intero l’atto di teppismo. Per questo fatto è in corso il processo davanti al tribunale dei Minorenni di Ancona nei confronti dei autori.

«Ringraziamo il Corpo dei Vigili – ha sottolineato il Sindaco – per la capacità investigativa che hanno dimostrato in questi episodi. Comportarsi male non conviene – ha aggiunto Saltamartini -, primo perché si lede la nostra coscienza civile e poi perché, se scoperti, si rischia di pregiudicare il futuro lavorativo e professionale, specie per i ragazzi e le persone più giovani, in quanto il requisito della buona condotta è ancora richiesto per svolgere molteplici attività tra cui le funzioni e il lavoro alle dipendenze della Pubblica Amministrazione».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments