La Guardia Svizzera Pontificia ospite del Castello Màlleus a Recanati

Sabato 5 marzo, l'Esercito ha assistito al Concerto Multisensoriale Audio-Olfattivo "Opera totale"

La Guardia Svizzera Pontificia è fedelmente al servizio del papato dal 22 gennaio 1506, da quando 150 mercenari elvetici al comando del capitano Kaspar von Solenne, attraversando porta del Popolo, entrò per la prima volta nello Stato Pontificio per servire papa Giulio II. Si tratta dell’esercito più piccolo al mondo e si occupa della vigilanza, della sicurezza e della protezione del Papa all’interno del Palazzo Apostolico e durante i suoi viaggi, oltre che dei servizi d’onore durante le udienze e i ricevimenti.

Sabato 5 marzo, l’Esercito della Guardia Svizzera Pontificia, approfittando del ritiro spirituale di papa Francesco ad Ariccia, è arrivato a Recanati per assistere al Concerto Multisensoriale Audio-Olfattivo “Opera totale” di Màlleus.

Uno scatto del concerto
Uno scatto del concerto

Molto probabilmente, l’aspetto spirituale ed emotivo del Concerto, che ha visto tra i vari ospiti molti prelati, Monsignori e Vescovi, ha avuto eco e passaparola anche a Roma in Vaticano. Questo desiderio di sperimentare il Viaggio introspettivo che l’Opera origina, questo piacere di provare sulla propria pelle l’emozione che musica e profumi generano, hanno indubbiamente suscitato al Comandante delle Guardie, la decisione di portare “i suoi ragazzi”, accompagnati dai famigliari, a fare questo “raro” viaggio al di fuori delle mura vaticane, che ha visto come uniche tappe: la mattina del sabato Loreto ed il pomeriggio il Castello Màlleus a Recanati.

L’uscita del piccolo esercito dal Vaticano è veramente “rara” se non unica e per questo Enrico Ragni, in arte Màlleus, ha accolto la delegazione presso il suo Castello sede dell’Antica Bottega Amanuense nata con lo scopo di riprendere lo studio e l’arte della Calligrafia.

Màlleus indubbiamente si è sentito gratificato di questa richiesta e come suo stile, ha accolto al meglio questa numerosa compagine replicando il Concerto realizzato in forma strettamente privata per la Guardia Svizzera Pontificia.

Molto probabilmente il brano “Papa Francesco” da lui composto, ha contribuito oltre al passaparola del Concerto, a confermare la scelta di venire a Recanati delle Guardie Svizzere.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments