Una passeggiata nel centro storico di Macerata per capire i problemi di accessibilità e  mobilità delle persone diversamente abili. È la proposta lanciata da Anna Menghi, presidente dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili di Macerata: «Invito l’amministrazione comunale, le associazioni e i cittadini a partecipare venerdì 3 giugno, alle 16, a questa iniziativa per riflettere sulla mobilità in centro, sempre più punto di riferimento per il divertimento. Chiunque potrà anche sedersi su una sedia a rotelle e provare a capire quali sono le difficoltà nello spostarsi e muoversi in centro per un disabile. Al termine della passeggiata, alle 17, appuntamento al Caffè Venanzetti per riflettere sulla situazione e per confrontarsi».

Presente alla conferenza di presentazione dell’evento anche Federica Reali, di Tolentino, che nei giorni scorsi ha protestato con un post su Facebook: «In occasione degli aperitivi europei, mi è stato negato l’accesso in centro storico, nonostante avessi il contrassegno invalidi – ha raccontato – Anche noi disabili amiamo divertirci. Mi è stato spiegato che solo i residenti potevano entrare. Credo che le cose dovrebbero essere rese più facili per un disabile, non più complicate».

Sono intervenuti anche Ninfa Contigiani, consigliere di maggioranza e presidente del Consiglio delle Donne che ha sottolineato «l’impegno e lo sforzo anche da parte del Consiglio delle Donne in merito alla questione della accessibilità e della mobilità» e Riccardo Sacchi, consigliere di opposizione, che si è impegnato a «capire quello che si vive in città e a fare una mappatura delle barriere architettoniche, portando anche in consiglio comunale un ragionamento serio e costruttivo per approfondire l’argomento».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments