In occasione del prossimo 2 Giugno, alcuni Comuni della nostra Provincia celebreranno in modo particolare la festa della Repubblica Italiana: a Montelupone e a Colmurano, infatti, verrà consegnata la Costituzione – come è avvenuto lo scorso 21 Maggio anche ad Appignano – a tutti coloro che compiono diciotto anni nel corso del 2016. A Macerata, invece, la cerimonia avrà luogo il 10 Giugno alle ore 17, nel cortile di Palazzo Buonaccorsi.

I diciottenni di Appignano ricevono la Costituzione dal sindaco Osvaldo Messi
I diciottenni di Appignano ricevono la Costituzione dal sindaco Osvaldo Messi

Iniziativa che di certo offre molti spunti di riflessione: consegnare il testo su cui si basa la nostra Repubblica nelle mani di coloro che sono appena entrati nell’età adulta vuol dire renderli partecipi di ciò in cui qualcuno, ormai ben settant’anni fa, ha creduto fortemente e, soprattutto, dimostrare in modo concreto che anche il futuro dell’Italia è nelle loro mani, proprio come la Costituzione al termine della cerimonia.

Diceva Piero Calamandrei agli studenti dell’Università di Milano che quest’ultima «non è una macchina che una volta messa in moto va avanti da sé. La Costituzione è un pezzo di carta, la lascio cadere e non si muove più; perché si muova bisogna ogni giorno rimetterci dentro il combustibile; bisogna metterci dentro l’impegno, lo spirito, la volontà di mantenere queste promesse, la propria responsabilità. Per questo una delle offese che si fanno alla Costituzione è l’indifferenza alla politica».

«Carburante», dunque, e «volontà»: questo ciò che si richiede ai neo diciottenni affinché l’Italia possa sempre sperare in un futuro migliore, che non potrà essere costruito se non da loro.


Ascolta la puntata di “A casa nostra” dedicata alla Costituzione:

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments