Le vergare sono già pronte. Danno un assaggio delle loro arti culinarie in attesa dei numeri (e del bel tempo) già durante la presentazione. Ancora poche ore e la 31ª Rievocazione storica della trebbiatura, promossa dalla Pro Loco di Piediripa, darà il via al proprio calendario di eventi, dal 23 al 26 giugno e dal 30 giugno al 3 luglio, regalando agli astanti un vero e proprio ritorno alle tradizioni della società contadina (leggi qui l’articolo).

Valori che, nonostante l’avvento della tecnologia anche in campo agricolo, rappresentano i pilastri di una comunità maceratese che ama ritrovarsi all’interno dello scenario offerto dall’azienda agricola Lucangeli, in contrada Valle, a Macerata, e approfittare per riassaporare alcuni piatti tipici, dai vincisgrassi all’oca, oppure ammirare gli strumenti da lavoro appartenuti ai propri nonni. Il momento clou sarà domenica 3 luglio, quando, alle 16 circa, avrà luogo la rievocazione con un vecchio motore a scoppio, una trebbiatrice costruita oltre un secolo fa e la partecipazione di oltre cento figuranti.

IMG_20160620_120502Presentato il 20 giugno, il programma della Rievocazione storica della trebbiatura mantiene il formato usuale con alcune novità presentate grazie alla collaborazione del giornalista Ugo Bellesi. Si tratta de Lu pranzu pe’ lu padro’ (e fa du’ cunti pe’ sparti’ lo gra’ co lu verga’ e lu fatto’), iniziativa realizzata in collaborazione con la Delegazione di Macerata dell’Accademia Italiana della Cucina (prenotazioni entro il 30 giugno al numero 338 5691493; o scrivendo all’indirizzo mail: prolocopiediripa@libero.it).

Un appuntamento sul quale il direttivo della Pro Loco di Piediripa, guidato da Igino Paolucci, punta molto e sul quale sono “dirottate” pietanze d’eccezione, rigorosamente elencate in dialetto: dagli antipasti “fatti a casa” ai maccherù cu’ lo sugo de papera, dai vincisgrassi all’arrosto (oca, pollastru co lu collu, levato l’osso, ripieno di carne macinata e verdure); dalla tejata de peparoli, pummidori, zucchette e maregna’ ai pummidori verdi, fino a lo vi’ de la casa (ovviamente, vantu de lu verga’).

IMG_20160620_120657L’apertura ufficiale della manifestazione è fissata per giovedì 23 giugno, alle ore 16, con il Pomeriggio in campagna con gli amici della “terza età” (in collaborazione con l’Ufficio Servizi alla Persona del Comune di Macerata) e l’apertura della mostra Storia di un chicco di grano curata da Lorenza Ionni e Remo Ramaccioni. Alle 19, l’apertura degli stand gastronomici, mentre alle 21, il Gran Ballo sotto le stelle con il trio Maurizio Damiani Band (clicca qui per consultare il programma completo).

Tra gli eventi di rilievo, tuttavia, si ricordano anche: il 18° raduno di moto d’epoca del Centro Italia (domenica 26 giugno alle ore 8.30), l’esibizione del gruppo folcloristico Li Pistacoppi (leggi qui l’articolo, domenica 26 giugno alle ore 16.30), la Messa animata dal coro parrocchiale di Piediripa diretto dal M° Maurizio Osimani (domenica 3 luglio, ore 12) e la Tavolata della trebbiatura (domenica 3 luglio, ore 13).

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments