C’è un’occasione da cogliere per coloro che hanno un’idea intorno al lavoro e la pastorale, un’idea che metta insieme le persone, che renda protagonisti i giovani e gli adulti, che valorizzi i nostri fecondi territori, che generi una nuova cultura del lavoro: quello che “unge di dignità”. L’occasione la offre il Movimento Lavoratori di Azione cattolica che si mette in ascolto di queste idee con il Concorso di idee lavoro e pastorale «Gioia nel lavoro» (nel link presenti tutte le informazioni, il bando e i termini di partecipazione).

Stefano Della Ceca, segretario diocesano Mlac

Concorso che si rinnova anche quest’anno per l’undicesima edizione, con la collaborazione dell’Ufficio Nazionale Cei per i problemi sociali e il lavoro, il Progetto Policoro e Caritas italiana. Possono partecipare gruppi formali e informali che condividono l’idea progettuale con l’Azione Cattolica diocesana. Il Mlac maceratese con Stefano Della Ceca, segretario diocesano, e tutta l’Azione cattolica, sono pronti ad accogliere idee per dare vita insieme a processi che realizzino il bene comune e l’attenzione al lavoro, anzi alla Gioia del Vangelo nel lavoro.

Un’occasione quindi, per mettersi in movimento con un’idea progettuale che, come suggerisce il bando, costruisca e faccia crescere alleanze, che educhi alla laboriosità, in contesti formativi e educativi, che promuova una cultura della solidarietà e dell’inclusione contro la cultura dello scarto, che valorizzi il proprio territorio rispettandolo. Ai progetti presentati ritenuti meritevoli, in palio contributi fino a 3000 euro per la loro realizzazione.

images7Partecipare è anche un’occasione per mettere in campo la progettazione sociale come strumento che aiuta il discernimento comunitario, capace, cioè, di guardare alla propria realtà, e la realizzazione di segni concreti dove vivere l’insegnamento della Dottrina Sociale della Chiesa.

In questi dieci anni di concorso tante esperienze e opportunità sono state generate dalle idee progettuali presentate, idee che sono diventate anche opportunità concrete di lavoro e di cambiamento nei territori. Alcuni di questi progetti sono stati presentati anche da alcune Diocesi marchigiane. Quest’anno, può essere l’occasione giusta per partecipare per la Chiesai di Macerata: quindi, non resta che “mettersi in moto”, scaricare e il bando e contattare il Mlac.

C’è tempo fino al 30 novembre e, intanto, per saperne di più anche la possibilità di partecipare al campo Mlac ad Ariccia, dal 17 al 21 agosto.

Monica Vallorani

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments