Italia-Argentina: a Mar del Plata marchigiani in festa

L'Unione Regionale Marchigiana della città sudamericana celebrerà il 40º anniversario della sua fondazione domenica 24 luglio

L’Unione Regionale Marchigiana di Mar del Plata celebrerà domenica 24 luglio il 40º anniversario della sua fondazione con un grande pranzo che si terrá presso i saloni della sede dell’Associazione (visita qui il sito). Per l’occasione verrà servito un menù a base di piatti regionali, tra cui spiccherà la celebre porchetta, ma anche l’aromatica coppa maceratese.

L’Associazione, tra le prime nate in terra Argentina, è stata fondata da un gruppo di entusiasti immigranti marchigiani, con lo scopo di promuovere le tradizioni popolari, i costumi, le usanze, i valori che contraddistinguono il marchigiano e di offrire un punto di riferimento alle tante famiglie originarie del suolo marchigiano approdate in terra argentina sin dalla stessa fondazione della città avvenuta il 10 febbraio 1874.

Tra i promotori del sodalizio, Teodoro Bronzini, figlio diretto di portorecanatesi più volte Sindaco del Municipio negli anni ’50 e ’60 nonché personalità di spicco della comunità politica e sociale dell’Argentina. Il suo prestigio ha stimolato la firma dell’accordo di gemellaggio tra le città di Mar del Plata e Porto Recanati avvenuta il 3 dicembre 1993.

Sono poi seguiti i protocolli di gemellaggio con i comuni di Sant’Angelo in Vado e San Benedetto del Tronto. Altri veri fautori del sodalizio sono stati il vadese Celestino Grassi e Pompeo Mecozzi nativo di Amandola, entrambi scomparsi negli ultimi anni e che per ben un quarto di secolo guidarono l’associazione con particolare successo.

Con più di 500 associati, l’Unione Marchigiana è oggi un Ente morale senza fini di lucro e con personalità giuridica che svolge iniziative nel campo sociale, culturale e sportivo. La sede, eretta dagli stessi soci fondatori e collaboratori, é immersa in un parco di circa 25mila mq circondato d’un frondoso alberato dove si alza il maxi salone di feste, provvisto dagli ompianti sanitari oltre ad una moderna sala d’ingresso mentre di fianco funzionano gli uffici e la biblioteca Emilio Gardini.

Il presidente attuale è il cingolano Gianfilippo Bonci emigrato assieme alla sua famiglia nel dopoguerra, mentre il vicepresidente è il portorecanatese Natalio Caporaletti, grande sostenitore del sodalizio sin dall’inizio. Tra le iniziative del direttivo l’avviamento dei corsi gratuiti di lingua e cultura italiana per gli associati che d’altronde sono agevolati dal Servizio Marchigiani nel Mondo della Regione Marche ai sensi della L.R. n. 39/97 e n. 19/04. L’emigrante marchigiano è stato strettamente collegato allo sviluppo di questa città sin dalla stessa fondazione, avvenuta nel 1874.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments