China goes Global si chiude alla Conceria del Chienti

La conferenza internazionale sui rapporti economici tra la Cina e l'Occidente ha terminato i lavori con la visita all'azienda tolentinate, acquisita nel 2014 dal Gruppo Jihua

Ha concluso i lavori la China Goes Global, prestigiosa conferenza internazionale dedicata ai rapporti economici con la Cina che si è svolta dal 26 al 28 luglio a Macerata. Per farlo è stato presentato il caso probabilmente più emblematico in Italia relativamente alle acquisizioni che i grandi gruppi cinesi hanno effettuato negli ultimi anni nel nostro Paese e in Europa: la Conceria del Chienti.

Tutta la delegazione, composta da 150 studiosi provenienti da ogni parte del mondo ha visitato ieri pomeriggio, gli stabilimenti tolentinati della conceria. Un caso, quello della Ctc, estremamente legato al territorio marchigiano dal momento che è proprio sulle rive del Chienti che il colosso Jihua Group, partecipata della Xingxing Cathay (35,5 miliardi di dollari di fatturato annuo) ha pensato di investire un capitale complessivo di 20 milioni di euro distribuiti in tre anni. Dal 2014, momento dell’acquisizione, ad oggi per la Conceria si sono aperte le porte di uno sviluppo che guarda al futuro non solo nel settore conciario, ma anche in quello della moda.

«Questa è una fabbrica magica – ha detto Marco Luppa, Ad di quella che oggi si chiama JH Ctc SPA- perché in questi stabilimenti trasformiamo la nostra materia prima, il pellame grezzo, in pelle pregiata con la quale si realizzano scarpe Louboutin e altri prodotti che nel mondo portano la firma di Louis Vuitton, Dior, Hermes, Santoni. Questo è possibile grazie alla competenza e al know how delle nostre maestranze, ma è anche possibile grazie alla straordinaria sinergia che si è creata con Jihua Group, che crede in questo progetto e nella sua italianità».

La visita alla Conceria del Chienti ha suggellato la chiusura del China Goes Global, la tre giorni di studio sull’economia cinese che ha portato nelle Marche il gotta mondiale degli esperti del settore.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments