Apurimac, sui passi della solidarietà… fino alle Ande

Dopo la pausa estiva, Emmausonline continua a raccontare le realtà associative che fanno parte del progetto Missio Giovani attivo in Diocesi. Questa è la volta di Apurimac onlus.

L’associazione è nata nel 1992, riconosciuta Onlus nel 1998 e Ong (Organizzazione non governativa) nel 2003. La realtà è nata con lo scopo di affiancare i missionari agostiniani italiani che, dal 1968, operano nella regione andina del Perù, da cui, appunto, ha preso il nome, l’Apurimac.

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Il suo lavoro è iniziato sulle Ande, a 4000 metri di altezza, estendendosi poi alle città di Cusco e Lima. La regione dell’Apurimac è ancora oggi caratterizzata da un estremo isolamento geografico ed economico. La popolazione locale, infatti, vive solo grazie a un’economia di sussistenza, tali disagi, insieme ad un alto tasso di analfabetismo e a precarie condizioni igienico-sanitarie, sono le principali piaghe che si è impegnata a “curare”. Dal 2003, con il riconoscimento di Ong da parte del Ministero degli Affari Esteri, è giunta fino in Africa. A partire dalla sua fondazione, Apurimac realizza progetti di cooperazione, iniziative di tutela dei diritti umani, percorsi di educazione alla pace e promozione del volontariato.

PROGETTI ED ESPERIENZE

Da più di 20 anni, Apurimac si impegna per costruire e difendere i diritti fondamentali di pace, salute, istruzione, identità, lavoro. «Lo facciamo – spiegano gli organizzatori – perché crediamo che sia possibile contribuire in modo concreto allo sviluppo di una realtà migliore e che questo sviluppo possa essere sostenibile e condiviso».

Italia: il fine è quello di contribuire alla crescita del nostro Paese, tra i giovani, nelle scuole, nelle periferie delle grandi città e nei contesti dove ci sono emergenze sociali. Vengono promossi percorsi di volontariato, corsi di formazione e realizziamo interventi sociali per affrontare le nuove povertà.

Perù: da oltre due decenni, si lavora per contribuire allo sviluppo della regione andina dell’Apurimac, dove si promuove il diritto alla salute, all’identità e all’istruzione, a favore della popolazione andina. Da dieci anni «portiamo dottori, volontari e cure mediche a 4000 metri di altezza sul livello del mare».

Nigeria: alcuni progetti riguardano tutti noi e la pace è uno di questi. «Siamo in Nigeria del 2003 – aggiungono i responsabili – e da oltre un decennio contribuiamo alla costruzione della pace. Insieme alle comunità locali definiamo le strategie e gli strumenti necessari per rispondere alle emergenze e favorire il dialogo tra religioni ed etnie differenti».

Atri Paesi: Apurimac Onlus opera anche in Algeria e Kenya, dove vengono sostenuti progetti di cooperazione per sostenere lo sviluppo sociale e professionale della donna, dei giovani e delle comunità.

CONTATTI

Viale Gabriele D’Annunzio, 101 – 00187 Roma
Tel: +39 06 4542 6336 – Fax: +39 06 4542 6512
E-mail: info@apurimac.it

Responsabile nella diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia: Samuele Pisani, c/o Basilica San Nicola Tolentino
E-mail: mattypippis@gmail.com

48-r

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments