La «Sibillini e dintorni» riparte da Cingoli

Prima tappa della decima edizione. Domani, venerdì 25 agosto, sarà la volta del Lago di Fiastra e Valfornace. A partire dalle 21.45, appuntamento imperdibile in piazza della Libertà a Macerata

Da sinistra, Paolo Petrini, Filippo Saltamartini e Massimo Serra

Prima tappa della decima edizione di “Sibillini e dintorni” è stata Cingoli e la sala degli stemmi del palazzo comunale in cui si trovano la “Madonna del Rosario” di Lorenzo Lotto e le altre opere d’arte che erano nella Chiesa di San Domenico e che là sono state trasferite dopo i sismi dello scorso anno. Una partenza significativa per la Scuderia Marche-Club Motori Storici, che organizza uno dei raduni di auto d’epoca fra i più premiati d’Italia e che ha voluto dedicarne il decennale alla “Marca in ripresa”. Settantuno chilometri e 659 metri: è questa la distanza percorsa dalla carovana di auto d’epoca nella prima delle tre giornate di kermesse motoristica. Alle 10.40 di stamani, infatti, una dietro l’altra le vetture storiche provenienti da tutta Italia si sono affacciate nella splendida piazza Vittorio Emanuele II dove sono rimaste in esposizione fino al termine della mattinata.

Il fascino delle signore d’epoca ha conquistato i cingolani che le hanno accolte con curiosità ed entusiasmo. Gli equipaggi, mai così numerosi come in questa edizione, hanno seguito con scrupolosa diligenza il percorso indicato nel roadbook che hanno in dotazione: in gergo lo chiamano “radar” e serve per affrontare in massima sicurezza – propria e del traffico veicolare regolare – tutti i rettilinei, le curve, i bivi, gli avvallamenti e le ripide salite previsti nel circuito studiato appositamente per far apprezzare il paesaggio maceratese in tutta la sua bellezza. Per mesi lo staff della Scuderia Marche, in particolare Nicola Fermani, Andrea Dari, Luigi Molini e Armando Grassetti, si è preoccupato di tracciare su mappa ogni dettaglio delle strade che le auto percorreranno in questi giorni: una cura che si somma alla presenza di motociclisti che segnalano la carovana di vetture in apertura e in chiusura come pure alla presenza di volontari e mezzi della Cri a disposizione per qualunque emergenza.

Una volta raggiunto il “Balcone delle Marche”, gli equipaggi sono stati ricevuti dal primo cittadino di Cingoli, Filippo Saltamartini, e da Paolo Petrini della Banca Mediolanum di Macerata, che è il principale sostenitore privato della kermesse. Nel riprendere la strada verso il capoluogo di provincia, poi, le affascinanti signore d’epoca hanno fatto una sosta a San Faustino di Cingoli prima di rientrare a Macerata per la visita guidata alle case di terra dell’Ecomuseo Villa Ficana. Dalle 19 e fino a tarda sera, alcune delle vetture sono in esposizione in piazza Mazzini.

Domani, venerdì 25 agosto, sarà la volta del Lago di Fiastra e Valfornace. A partire dalle 21.45, appuntamento imperdibile in piazza della Libertà a Macerata per la Rievocazione Storica del Circuito della Vittoria e la presentazione di tutte le straordinarie protagoniste di questa edizione di “Sibillini e dintorni”.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments