La scienza e la ricerca saranno le protagoniste della Notte della Ricerca dell’Università di Macerata, che si terrà venerdì 29 settembre. Tanti gli appuntamenti a partire dalle 17.30, come la simulazione di un’udienza sul caso dei Marò davanti al tribunale internazionale condotto da un gruppo formato da docenti, dottorandi e studenti sulla vicenda controversa che ha visto da una parte l’Italia e dall’altra l’India. Seguirà, alle 19.30, l’esperienza di un tour virtuale del Museo della Scuola Paolo e Ornella Ricca per illustrare come le strategie didattiche possano utilizzare la realtà aumentata combinando azioni, simboli e informazioni provenienti dai sensi, arricchendo così l’esperienza educativa. Nel frattempo, dalle 18.30, gli stand ospiteranno la degustazione guidata “Taste for future”: i visitatori saranno introdotti alla “Scienza del Consumo” in maniera interattiva. Il ricavato delle offerte sarà devoluto in beneficenza per gli interventi di ricostruzione di una delle scuole colpite dal sisma.

In serata gli appuntamenti non finiscono, anzi, si moltiplicano: Alle 20.30, infatti, ci sarà la proiezione di alcuni cortometraggi realizzati da studenti per quanto riguardo nell’ambito del progetto “Looking China” sui labor poet, l’industria dei droni, gli street artist, i pescatori, la vita di un barbiere di strada, la difesa dei villaggi tradizionali dalla cementificazione, la cultura del cibo, l’arte della stampa. Alle 21.30, gli attori Giuseppe Festa e Maurizio Vallesi porteranno in scena “Così si è a parer loro… Leopardi, Prezzolini e gli italiani”, una conversazione immaginaria che verterà sulle tradizioni e sui costumi degli italiani. Alle 22.30, la protagonista dello spettacolo diventerà la musica con “L’Est non tace. Canzoni di protesta dall’Altra Europa”.

Due appuntamenti vedranno al centro dell’attenzione il rapporto tra scienza, ricerca e donne: il primo si terrà al Palazzo del Mutilato (sede del Casb) alle ore 20, nel corso del quale avverrà la proiezione del film “Il diritto di contare“, candidato agli oscar. Questo tratta delle storia delle donne afro-americane che aiutarono gli Usa a vincere la gara per lo Spazio.  Il secondo appuntamento si terrà alle 21.30 nel cortile di Palazzo Conventati, con “Lunatiche per passione: storie di astronome di ieri di oggi e di domani“, un science show che vedrà tre ragazze attive nella divulgazione scientifica e che hanno deciso di coniugare il binomio donne-scienza trasformandolo nel loro cavallo di battaglia.

Per conoscere il programma completo e per avere tutte le informazioni sull’evento visitare il sito www.unimc.it/nottericerca. 

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments