Civitanova Marche: buone notizie per il collegamento con la Croazia

L'azienda Guidotti interessata allo scalo civitanovese: in agenda ci sarà un prossimo incontro con l'armatore e gli operatori del settore per comunicare gli sviluppi e per informare città

0
107

Si concretizza il collegamento via catamarano con l’altra sponda del mare Adriatico dal molo sud di Civitanova. Del progetto, che circola da mesi, si è parlato concretamente questa mattina nel corso di un incontro, cui hanno preso parte l’assessore al Demanio Ermanno Carassai, il referente dell’impresa “Guidotti ships srl”, che poi gestirà la rotta, il comandante dell’Ufficio circondariale marittimo, tenente di vascello Angelo De Tommasi, i tecnici comunali e alcuni tour operator della città. La riunione è stata utile per verificare la situazione logistica del porto in vista del collegamento, in particolare l’ubicazione della biglietteria per la quale è stata trovata collocazione idonea. La società aveva già avuto un primo incontro col sindaco Ciarapica, che ha poi incaricato l’assessore Carassai per sistemare le pratiche dell’Amministrazione comunale.

«Abbiamo studiato la logistica – ha riferito Ermanno Carassai – bisognerà risolvere il problema dell’ubicazione degli uffici per il controllo dei documenti e la sicurezza, che vanno sistemati in prossimità dell’imbarco. Dovremo fare quindi una richiesta alla Regione Marche per risolvere la questione che non è di nostra competenza. Se tutto andrà bene, per luglio e agosto avremo un collegamento con partenza da Civitanova alle ore 7.30 e arrivo in Croazia (città da stabilire) alle 11.30, poi ripartenza dalla Croazia alle 18 e arrivo a Civitanova alle ore 22. Gli albergatori e ristoratori civitanovesi sono certo sapranno cogliere l’occasione per proporre pacchetti invitanti per far arrivare qualche giorno prima i turisti, in attesa dell’imbarco di buon mattino. Se arriveranno prima a Civitanova, si creerà un indotto interessante e di certo anche l’Amministrazione farà la sua parte». In agenda ci sarà un prossimo incontro con l’armatore e gli operatori del settore per comunicare gli sviluppi e per informare città.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments