di Maria Teresa Danieli

L’8 ottobre la parrocchia di San Lorenzo di Urbisaglia ha celebrato la “Domenica della Parola”, rispondendo all’invito rivolto da papa Francesco che, nella lettera apostolica Misericordia et Misera, ha invitato tutte le comunità ecclesiali a rinnovare l’impegno per la diffusione, la conoscenza, l’approfondimento della Sacra Scrittura dedicando una domenica a questo scopo.

Si è trattato di una giornata di festa e celebrazione per rimettere al centro della vita, accanto all’Eucaristia, l’ascolto della Sacra Scrittura, attraverso esperienze e momenti di lettura, approfondimento e riflessione spirituale vissuti in comunità.

La celebrazione eucaristica è stata caratterizzata da momenti forti, quali l’intronizzazione della Bibbia – introdotta con una breve processione guidata dal parroco don Marino Mogliani affiancato dai catechisti che portavano l’incenso e due ceri – cui è seguito il mandato ai catechisti quali missionari della Parola e la consegna alle famiglie del calendario liturgico, con l’invito a leggere quotidianamente la lettura del giorno.

I due leggii posizionati all’ingresso della chiesa, ancora transennato (foto Vera Lippi)

Alla fine della celebrazione sono stati posizionati all’entrata della chiesa, a disposizione di chiunque voglia sostare e leggere la Parola, due leggii: sul più alto è stata posta la Bibbia, mentre sul più basso la Bibbia per i ragazzi, cosicché anche i più giovani possano avere la possibilità di accostarsi alla lettura delle pagine più significative del libro sacro, trasposte in forma adeguata alla loro età.

Fra le varie iniziative che verranno poste in essere dalla comunità parrocchiale (oltre al commento settimanale delle letture della domenica ed alla riproposta dei centri d’ascolto nelle famiglie) è stata annunciata anche la lettura pubblica ed integrale della Bibbia, che partirà nel prossimo anno proseguendo nei successivi.

Il tutto nella consapevolezza che, così come è necessario nutrirsi del Pane eucaristico per possedere la vita divina, è altrettanto necessario nutrirsi della Parola divina come cibo dello spirito; Madre Speranza di Gesù diceva: «Per acquistare e per conservare la vita soprannaturale che promana dal cuore di Dio sono necessarie due cose: l’alimento e la luce. La Parola di Dio è la luce delle nostre anime, il sacramento dell’Eucaristia è il nostro Pane di vita. Vive veramente solo il cuore che ama, perché amare è la vita del cuore».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments