A novembre al Teatro Don Bosco, in attesa del Teatro Vaccaj, riparte la stagione teatrale di Tolentino, con un nuovo cartellone carico di emozioni, incentrato sulla prosa contemporanea la vera protagonista sul palco del Teatro Don Bosco. Infatti nei giorni scorsi è stata presentata ufficialmente la Stagione 2017/2018 del Teatro Vaccaj di Tolentino, alla presenza del sindaco, Giuseppe Pezzanesi, dell’assessore alla cultura, Alessia Pupo, del direttore artistico di Compagnia della Rancia, Saverio Marconi, e del coordinatore della programmazione dell’AMAT, Raimondo Arcolai. Nell’occasione, come consuetudine, il sindaco ha sottoscritto i primi due abbonamenti alla stagione.

Cinque appuntamenti, da novembre 2017 a marzo 2018, per raccontare cinque storie che rispondono con le risate, a volte ironiche, a volte amare, ma sempre intelligenti alle nevrosi, le piccole tragedie e le ipocrisie che attanagliano la nostra società; tutte con protagoniste grandi interpreti del panorama teatrale italiano.

Apre la stagione teatrale, venerdì 24 novembre, un classico della commedia francese, che da oltre 20 anni diverte ed emoziona le platee di tutto il mondo: «La cena dei cretini», con due impeccabili attori quali Nicola Pistoia e Paolo Triestino, cui sembra essere stato cucito su misura il ruolo dei due protagonisti. Sabato 2 dicembre è la volta di «Fuorigioco», testo vincitore di Eurodram 2016, che lo scorso anno ha ottenuto ottimi consensi di pubblico e di critica. Una commedia che tiene lontano la noia e i luoghi comuni, scritta con acume e ironia da Lisa Nur Sultan, che restituisce la realtà in un gioco di scherma che poggia su un quartetto d’interpreti perfetti (Giampiero Judica, Francesca Porrini, Emiliano Masala, Elisa Lucarelli).

Con il nuovo anno (sabato 13 e domenica 14 gennaio) al Politeama si prosegue con «Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano»: la storia di un’infanzia, di un’emancipazione, del superamento delle difficoltà, attraverso un percorso di scoperta, di conoscenza di sé e di culture differenti. Gabriela Eleonori e Saverio Marconi, dopo il grande successo di ‘Variazioni Enigmatiche’, tornano così a confrontarsi con un testo di Schmitt, e questa volta lo fanno con un racconto intimo, che parla agli spettatori guardandoli negli occhi mentre si compie l’affascinante rito tradizionale del tè turco: un procedimento lento, un sapore antico e familiare, durante il quale si snoda, emozionante, la storia di Monsieur Ibrahim.

Martedì 6 febbraio sarà la volta di «L’inquilina del piano di sopra», un classico della comicità di Pierre Chesnot, uno di quei rari meccanismi drammaturgici ad orologeria, interpretato da due volti televisivi molto conosciuti: Gaia De Laurentiis e Ugo Dighero. Una commedia dai buoni sentimenti che ride dei rapporti di coppia, una favola sul dramma della solitudine con un lieto fine sospirato, che mette di buon umore e fa amare la vita.

La chiusura della stagione prevista per lunedì 26 marzo sarà affidata al gradito ritorno di Lello Arena, che interpreterà il divertente e cinico «Parenti Serpenti», conosciuto al grande pubblico grazie all’omonimo film di Mario Monicelli con Paolo Panelli. Lo spettacolo, vincitore del premio Camera di Commercio delle Riviere di Liguria 2017, al Festival di Borgio Verezzi) è un viaggio nell’animo umano dissimulato in una commedia dai toni scherzosi e dai tratti umoristici.

Completano l’offerta teatrale anche due appuntamenti fuori abbonamento: sabato 9 dicembre sarà la volta di Flavio Insinna e la sua «Macchina della felicità», in esclusiva provinciale: lo spettacolo, organizzato dalla Pro Loco TCT Tolentino con il patrocinio del Comune di Tolentino, è un viaggio al ritmo di musica verso la felicità.

Sabato 16 dicembre, invece, sarà la volta del musical; infatti «la poesia di Cats», uno dei musical più conosciuti e amati dal pubblico, rivive nella versione del Centro Teatrale Sangallo: «Cats ovvero la notte dei gatti Jellicle».

La campagna abbonamenti si aprirà il 27 ottobre con la prelazione per i vecchi abbonati e si protrarrà fino al 24 novembre.

Dal 22 novembre, invece, sarà possibile acquistare i biglietti dei singoli spettacoli in cartellone al botteghino del Teatro Don Bosco, oppure on line su www.vivaticket.it, o tramite il Call Center dello Spettacolo delle Marche 071/2133600. E da quest’anno ci sarà anche una formula vantaggiosa che permette di non rinunciare alla cultura e alla bellezza degli spettacoli proposti nella formula ‘family’ per avvicinare i ragazzi al teatro dei ‘grandi’.

Molti, inoltre, i vantaggi riservati agli abbonati: sconti per gli spettacoli in programmazione al Teatro La Fenice di Senigallia – e per la Stagione Eventi del Giometti Cinema di Tolentino (‘Royal Opera House’ e ‘La Grande Arte’). Concludendo la presentazione della stagione teatrale, Saverio Marconi, Direttore Artistico di Compagnia della Rancia, ha sottolineato la qualità degli spettacoli:

«Anche per questa stagione, che mi auguro essere l’ultima lontana dal palco del Teatro Vaccaj, abbiamo voluto privilegiare spettacoli di prosa brillante, intelligenti, coinvolgenti e di grande qualità. Non mi stancherò mai di ripetere che il teatro è uno strumento di educazione dell’anima e di evasione; il teatro va vissuto e supportato e invito ancora una volta la città a mantenere alta l’attenzione sulla vita culturale di Tolentino».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments