Alessandro D’Avenia analizza le ragioni della “fuga” all’estero di decine di migliaia di giovani in cerca di futuro. Chi sono questi giovani? Hanno un titolo di studio superiore e moltissimi laureati. Per loro la narrazione in Italia appartiene al genere tragico, quindi vanno in cerca di Paesi (prevale l’Europa “ricca” e in seconda battuta l’America) in cui il lavoro, oggetto del desiderio che li fa muovere; appartiene a una narrazione diversa.
Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments