“Tra Memoria e speranza”, ad un anno dal terremoto del 30 ottobre 2016, la comunità dei monaci dell’Abbadia di Fiastra, in collaborazione con il centro di spiritualità e cultura “La porta bella” e la Diocesi di Macerata, hanno pensato ad una serata dove protagonista è stata la musica, con il suo linguaggio universale capace di arrivare nel cuore di tutti. Anche nei cuori feriti di chi un anno fa, a causa del terremoto ha perso tutto o ha visto cambiare la sua vita. Un evento promosso in collaborazione con Regione Marche e Comune di Tolentino.
Più di 140 i protagonisti hanno dato vita al concerto “Maria Mater, Spei”, di ogni fascia età, dai giovani dell’Orchestra El Sistema, al Coro della Terza età Uteam, provenienti dai comuni più colpiti dal sisma, delle province di Macerata e Ascoli Piceno. Sono state eseguite musiche di Charpentier, Capoferri, Cecchini, Rossini, Dvorak, Mameli, Schubert e Verdi. Con il loro messaggio musicale hanno voluto testimoniare la volontà della nostra terra di andare avanti e ricominciare.
La musica come messaggio di speranza e di rinnovamento per la società. Le orchestre presenti all’evento fanno parte del progetto “El Sistema”, modello didattico il nato nel 1975 in Venzuela dal maestro José Antonio Abreu, avviato 5 anni fa a Macerata e Ascoli

Il nucleo “El Sistema “ di Macerata della Scuola Civica di Musica Stefano Scodanibbio è rivolto a circa 80 bambini e ragazzi tra i 4 e i 15 anni. L’impianto didattico prevede uno staff di 9 insegnanti con formazione specifica. Il percorso musicale è suddiviso in: Orchestra di carta – Ritmica -Baby orchestra – Junior orchestra – Big orchestra. Per la serata all’Abbadia erano presenti 40 elementi diretti dal Maestro Mirthe Goldman

Il nucleo di Ascoli della Music Academy Ascoli, è un’associazione, che opera nel panorama artistico Piceno dal 1993, si propone di aiutare, soprattutto i giovani, a riscoprire i valori artistici, culturali e sociali della musica di qualità, attraverso l’apprendimento di strumenti, l’uso della voce e la riscoperta dei valori dell’arte attraverso la musica dal vivo. All’Abbadia di Fiastra erano presenti 62 elementi diretti dal Maestro Luca Cecchini.

Tanti applausi ed emozioni per l‘Ave Maria di Schubert interpretata dal giovane cantante Denis Bonjaku, 12 anni, nato in Italia da genitori di origini albanesi, vive ad Urbisaglia, è un talento musicale, alunno del maestro Aldo Cicconofri. Ha vinto numerosi premi e concorsi. Proprio una settimana fa ha ottenuto la medaglia d’oro al concorso Internazionale “Crossroad of the muses” nella categoria giovani e il Gran Prix a Sofia , in Bulgaria.

Protagonista della seconda parte della serata il Coro Uteam – Universita’ della terza eta’ dell’alto maceratese, nato nel 2009 da un’idea del Presidente Adriano Vissani, intende rappresentare valori intramontabili come il legame con il territorio e la forza della musica capace di unire diverse generazioni. Il Coro Uteam di San Severino Marche, è composto da circa 25 elementi, per la serata si sono aggiunti cantanti provenienti dai Comuni di Pioraco, Sefro, Fiuminata, Castelraimondo, Visso. Diretti dal Maestro Luciano Feliciani e dal maestro accompagnatore Leonardo Francesconi.
Nel finale tutti, pubblico compreso, hanno cantato insieme “Madonna Nera” per chiudere con un brano particolarmente coinvolgente il concerto intitolato “ Maria, MaterSpei”.


Per l’evento è stata esposta all’Abbazia di Fiastra un’ Icona della “ Madonna del Pilerio”, un’icona del XIII sec. dell’Italia Meridionale, detta anche Madonna del Terremoto e Patrona di Cosenza. Si tratta di una tempera che rappresenta la Vergine che allatta il bambino, messa a disposizione per l’evento dall’Associazione di Iconografia “Lungo la Via Lauretana”.
“Speranza” è stata la parola chiave degli interventi di Padre Giovanni Frigerio, parroco comunità Monaci dell’Abbadia, del Vescovo di Macerata Nazzareno Marconi, del rettore dell’Uteam, il prof. Giammario Borri e della presidente della Croce Rossa di Macerata e Fondazione Carima Rosaria Del Balzo Ruiti.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments