Presentata presso la Clinica Neurologica dell’Ospedale di Torrette, la serata di beneficenza “Il gusto della solidarietà” che si terrà il prossimo 24 novembre a favore della Fondazione Dante Paladini, attiva nelle Marche dal 2008 nel settore delle malattie neuromuscolari, per sensibilizzare il pubblico e raccogliere fondi per l’apertura del Centro Clinico Regionale Nemo specializzato nelle malattie neuromuscolari.

Nel corso della conferenza stampa, il Presidente del Consiglio regionale, Antonio Mastrovincenzo, ha sottolineato il continuo rapporto di collaborazione che esiste tra la Fondazione e il Consiglio regionale ribadendo l’impegno assunto dalla Regione con la proposta di legge, oggi all’esame della competente commissione consiliare, che consentirà in primavera, l’istituzione, presso l’Ospedale di Torrette, del Centro Nemo specializzato per la cura delle malattie neuromuscolari.

«Un grande progetto – ha detto Mastrovincenzo – che nasce dalla collaborazione tra la Fondazione e la Regione e che avrà uno scopo preciso: prendersi cura di malati fragili e rispondere alla crescente domanda di spazi e servizi, per essere vicini ai pazienti e alle loro famiglie». In attesa della validazione del progetto e dell’affidamento dei lavori, ci sono le tempistiche per l’entrata in funzione del Centro (già presente in altre città come Milano, Messina, Roma e prossimamente Torino) creato in sinergia tra Ospedali Riuniti, Fondazione Serena e Fondazione Paladini. «Anche per questo, il consiglio regionale – ha riferito il presidente Antonio Mastrovincenzo – approverà entro gennaio la legge sulle sperimentazioni gestionali. Un hub assistenziale della ricerca applicata e un punto di riferimento anche per l’università per quanto concerne tutte le malattie neuromuscolari».

Tutto questo sarà il nuovo Centro Nemo che vedrà la luce entro l’estate del prossimo anno nel corpo ‘C’ al quinto piano degli Ospedali Riuniti a Torrette di Ancona. L’apertura di un Centro Nemo nelle Marche garantirà una migliore e più dignitosa condizione di vita ai pazienti affetti da SLA, SMA, distrofie muscolari e altre malattie neuromuscolari, migliorando il percorso assistenziale, perfezionando gli standard organizzativi e sviluppando formazione per gli operatori dell’intero territorio regionale.
Forte di una visione paziente-centrica, l’obiettivo del Centro Clinico Nemo è quello di offrire un ambiente confortevole ai pazienti e alle loro famiglie, dove trovare un team multidisciplinare che si faccia carico dei bisogni degli individui con disfunzioni motorie e al tempo stesso crei le condizioni di eccellenza per attuare e sviluppare trattamenti innovativi e terapie sperimentali.

«Sarà un centro di “sussidiarietà orizzontale negli Ospedali riuniti”, ha osservato il direttore generale degli Ospedali Riuniti Michele Caporossi – sarà in pratica un “polo attrattivo d’eccellenza ” anche per Umbria, Abruzzo, Molise, Emilia Romagna e Puglia».

«L’obiettivo – ha spiegato Roberto Frullini, Presidente della Fondazione Paladini – è avere un centro di riferimento specializzato per le malattie neuromuscolari per evitare ai pazienti gravose peregrinazioni da un ambulatorio all’altro. Nel 2018 la Fondazione Paladini compie dieci anni e speriamo di tagliare il nastro del nuovo Centro Nemo e di alzare il livello delle cure territoriali. Stiamo anche lavorando per aumentare la formazione del personale sanitario, dei pazienti e dei familiari».

Oggi il Centro per le malattie neuromuscolari, che lavora in rete col territorio, è costituito da un team di medici (dagli anestesisti ai neurologi, dai fisiatri agli psicologi) guidato dalla dottoressa Michela Coccia, il cuore della struttura sotto la “regia clinica” del direttore del dipartimento di Neurologia Leandro Provinciali. Per ospitare il Salesi ed il Nemo, ha riferito Antonio Cordoni, direttore sanitario degli Ospedali Riuniti, sono state spostate 12 strutture complesse. Tanta solidarietà e sostegno anche dal mondo dei privati, rappresentato da Antonello Ieffi imprenditore nel settore delle Energie rinnovabili «siamo accanto alla Fondazione Paladini per sostenere la loro attività, le malattie neuromuscolari sono una patologia importante per cui si fa troppo poco, noi imprenditori dobbiamo esser  i primi a promuovere e a sostenere il Centro Nemo, anche una piccola donazione da parte di tutti può fare molto e siamo pronti anche a dare il nostro sostegno per studiare un sistema di efficienza energetica con le massi naturali».

Per sensibilizzare sul tema l’opinione pubblica e contribuire alla realizzazione del Centro Nemo, venerdì 24 novembre al Sui Club di Ancona si terrà la serata di beneficenza “Il gusto della solidarietà”, patrocinata dal Consiglio della Regione Marche e dal Comune di Ancona e promossa dalla Fondazione Paladini. La serata, giunta alla IX edizione, è organizzata dall’imprenditrice anconitana Diletta Bugaro e dallo chef pluristellato Mauro Uliassi, grazie al contributo dell’imprenditore Antonello Ieffi e dei tanti imprenditori e artisti che hanno aderito all’iniziativa tra i quali in primis Mirka Cesarila nota psicografologa della TV protagonista di tanti programma televisivi Rai e Mediaset da Buona Domenica a Mattino in Famiglia «sono felicissima di poter contribuire all’importante causa della Fondazione Paladini – ha dichiarato Mirka Cesari- durante la serata svelerò alcuni segreti della nostra grafia e sarò a disposizione degli ospiti per analisi grafologiche personalizzate»

Un viaggio nel gusto e nella solidarietà che proporrà il format culinario “Uliassi street good”, l’alta cucina reinventata in uno stile dinamico e moderno, i meravigliosi dolci di Paolo Brunelli ed a condurre musicalmente la serata sarà la voce ammaliante dell’istrionico Leo Maculan accompagnato da Emanuele Filanti alla tastiera e Danilo Brugnini alla batteria.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments