Studenti di Unimc a sostegno di #uniamoci, in aiuto delle aziende colpite dal sisma

Raccolti 1.200 euro per il Comune di Gualdo, in occasione dell’aperitivo solidale organizzato da PlayMarche, Cimas e Unimc

«Vi aspetto tutti a Gualdo» – ha detto giovedì scorso Giovanni Zavaglini, primo cittadino del comune di Gualdo, fortemente colpito dal sisma nel 2016. «La vicinanza testimoniata oggi pomeriggio da chi solitamente è squattrinato per antonomasia non può che riempirmi il cuore di gioia – ha continuato un commosso Zavaglini -. Sentiamo forte il vostro affetto e la somma raccolta oggi sarà investita nel rilancio del Centro Studi Romolo Murri».

Sono stati infatti proprio gli studenti dell’Università di Macerata, a cui ha fatto riferimento il Sindaco di Gualdo, ad aver voluto un evento solidale in favore del piccolo comune tanto provato dal terremoto. L’evento organizzato in collaborazione con PlayMarche srl e Cimas Ristorazione, grazie al fondamentale supporto del Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo dell’Università di Macerata ha visto giovedì 14 dicembre presso il Polo Luigi Bertelli più di cento partecipanti tra docenti, studenti e PTA.

«Eventi come quello di oggi testimoniano come gli studenti mettendosi insieme sappiano essere concreti e attenti a quelle storie che troppo spesso restano ai margini della notizia e dell’attenzione delle istituzioni – ha affermato Rebecca Marconi -. L’iniziativa ha infatti visto il coinvolgimento delle liste Officina Universitaria, Run e Obiettivo Studenti – ha continuato la rappresentante del Consiglio degli Studenti – e mi sento di ringraziare Cimas e PlayMarche per la consueta disponibilità, dimostrandosi un punto di riferimento costante per noi studenti».

«I prodotti che abbiamo degustato provengono da aziende e territori colpiti dal terremoto. Il nostro progetto #Uniamoci non si è mai fermato dallo scorso anno – ha affermato Michele Spagnuolo di PlayMarche srl. Ci auguriamo – continua l’amministratore delegato del primo spin off dell’Università di Macerata – che iniziative come queste possano rilanciare il tessuto produttivo del territorio, poichè senza lavoro e senza aziende non si può pensare ad un rilancio economico del nostro entroterra».

«Abbiamo pensato al Comune di Gualdo – ha detto il professor Roberto Perna – poiché uno dei 15 luoghi di interesse coinvolti dal 2014 nel nostro progetto di distretto culturale evoluto. La nostra vicinanza è costante e speriamo che, seppur siano una goccia in un oceano, le mille e duecento euro raccolte oggi siano di aiuto per il Centro Studi Romolo Murri e per il Comune di Gualdo. Un ringraziamento in particolare – ha continuato il coordiantore del progetto DCE PlayMarche – va all’Università di Macerata e al Dipartimento di Scienze della formazione, dei beni culturali e del turismo per dimostrare quanto sia sempre più importante la terza missione dell’Ateneo».

«Siamo onorati di aver  partecipato al progetto #UNIAMOCI e di aver organizzato insieme a playmarche la seconda edizione dell’aperitivo solidale – fa eco Gennaro Cecere, referente Cimas Ristorazione -. Quest’ anno più dell’anno scorso, la componente studentesca è stata numerosissima, e questo è molto importante x noi. Mettere a disposizione la nostra esperienza nel settore x Raccogliere 1200 euro da donare al comune di Gualdo ci ha dato tanta energia per il futuro. Un grazie sincero agli studenti tutti, agli sponsor, ai Docenti e al PTA del dipartimento  Sfbct che non fanno mai mancare la loro vicinanza».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments