Treia. Grand Tour Cultura: aperta la mostra su Elvidio Farabollini

L'evento è in collaborazione con la Fondazione Marche Cultura e con il MAB Marche (Coordinamento marchigiano tra Musei, Archivi e Biblioteche)

Sabato 16 dicembre si è svolto a Treia un evento dedicato ad Elvidio Farabollini (1930-1971), grande artista treiese prematuramente scomparso. L’evento è inserito nell’iniziativa “Grand Tour Cultura”, promossa dalla regione Marche, assessorato alla cultura, in collaborazione con la Fondazione Marche Cultura e con il MAB Marche (Coordinamento marchigiano tra Musei, Archivi e Biblioteche).

L’evento, articolato in due momenti, ha avuto inizio alle ore 9, con un convegno presso l’Aula Didattica Multimediale del Museo Archeologico, luogo in cui sono state allestite in esposizione molte bellissime opere in ceramica che raccontano territorio. Numerosi gli interventi del convegno: ha aperto i lavori il sindaco di Treia Franco Capponi; a seguire l’Assessore alla cultura Edi Castellani, il Presidente del Circolo Ricreativo Cittadino Vittorio Antolini Broccoli, il Dirigente Scolastico Laura Vecchioli e il figlio dell’artista, Piero Farabollini, docente universitario presso l’Università di Camerino, hanno ricordato e tratteggiato la figura di questo grande artista, cui è dedicata una delle vie più importanti della Città.

Presente anche la figlia maggiore dell’artista, Franca Laura, che nel corso del convegno è intervenuta in diversi momenti per ricordare il padre. L’evento ha visto anche la partecipazione di alcuni soci storici del Circolo, fra cui Nazareno Crescimbeni, Franco Bora, e Pacifico Balloriani, a cui si deve, tra l’altro, il recupero dalla collocazione originaria delle ceramiche, dopo anni di custodia da parte del Circolo cittadino, ed ora esposte nella sala dell’Aula Didattica Multimediale del Museo Archeologico. Un ringraziamento particolare è stato indirizzato a Luciano Sileoni, per il grande sostegno economico offerto a quel tempo per il taglio delle piastrelle ed il trasporto. Presenti all’evento le classi seconde della scuola secondaria, accompagnati dal dirigente scolastico Laura Vecchioli e dai docenti.

Il secondo momento si è svolto presso una Sala dell’Hotel Grimaldi, luogo in cui sono stati esposti alcuni dipinti, opere preziose realizzate con diverse tecniche pittoriche: olio su tela, acquarello, matita, china, ma anche incisione. Un ringraziamento particolare ai proprietari di tali opere che generosamente hanno messo a disposizione.

Entrambe le mostre, ad ingresso gratuito, si potranno visitare fino al prossimo 29 dicembre (ore 9.00-12.30 e ore 15.30-18.30). Per apertura rivolgersi alla Proloco, (C.so Italia Libera n.11 – Tel. 0733 217357- 0733/215919).

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments