Film. Tre manifesti a Ebbing, Missouri: sale l’attesa per gli Oscar

La commedia nera firmata da Martin McDonagh ha come protagonista la fantastica Frances McDormand nel ruolo di Mildred Hayes: alla Mostra del Cinema di Venezia 74 dove ha vinto il premio per la sceneggiatura e ha trionfato con quattro Golden Globe

Presentato alla Mostra del Cinema di Venezia 74 dove ha vinto il premio per la sceneggiatura, dopo aver trionfato con quattro Golden Globe e in attesa di scoprire cosa si aggiudicherà ai prossimi Oscar, “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” è nelle sale italiane da giovedì 11 gennaio. La commedia nera firmata da Martin McDonagh ha come protagonista la fantastica Frances McDormand nel ruolo di Mildred Hayes.

Il titolo già ci introduce a quello che è l’incipit del film ed è intorno a quei tre manifesti che si sviluppa la storia. Mildred una strana tipa, burbera e con il viso segnato dal dolore per la perdita della figlia in un modo tremendo, un giorno affitta tre grandi cartelloni pubblicitari ormai in disuso in una strada secondaria immersa nel verde che porta alla città (fittizia) di Ebbing, nel Missouri. Con tre scritte provocatorie si rivolge alla polizia locale e in particolare allo sceriffo Willoughby.

Quella che inizia come una crociata personale fra battute sarcastiche e taglienti finisce per coinvolgere l’intera cittadina nella parte più profonda dell’America, partendo dalla piccola centrale di polizia con Woody Harrelson nel ruolo dello sceriffo stimato da tutti e il suo vice Dixon, mammone e razzista, interpretato da Sam Rockwell. «Volevo essere fedele alla sua rabbia, al suo rancore, alla sua perdita. La lotta di questa madre è l’aspetto della storia a cui tenevo di più” dichiara McDonagh scrittore e regista britannico di origini irlandesi proveniente dal teatro e vincitore di tre Laurence Olivier Award.

Figlio dell’era post tarantiniana e dei fratelli Coen, McDonagh è un grande drammaturgo ed egli stesso dichiara di sapere quali sono i suoi punti forti “i dialoghi, il saper costruire i personaggi e la trama” e in “Three Billboards outside Ebbing, Missouri» (titolo originale), questi tre aspetti sono ben mixati. Nella piccola Ebbing ci sono grandi attori nei panni di scontrosi personaggi dallo humor nero che sulla colpa, sulla violenza e sulla ricerca del perdono intessono una grande storia.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments