Montecassiano. Giorno della Memoria: dal 26 al 28 gennaio il docu-film «Non posso dimenticare»

Il 26 gennaio la proiezione del film-documentario di Marco Bozzi, domenica 28 visita in città di una delegazione di Guado Tadino, dove fu ucciso il partigiano montecassianese Oreste Mosca

Il sindaco di Montecassiano Leonardo Catena

È il dovere della memoria: quello di ricordare e far ricordare l’inferno dei lager. Il 27 gennaio Montecassiano celebra il Giorno della memoria con i racconti dei propri concittadini. Storie di vita e di lotta dei montecassianesi che hanno parlato di quanto accadde al tempo dell’occupazione. Venerdì 26 gennaio al Cineteatro Ferri sarà proiettato il documentario di Marco Bozzi “Non posso dimenticare – Storie di vita e di Resistenza al tempo dell’occupazione nazifascista a Montecassiano”. Si tratta dell’ultimo ciclo di proiezioni del progetto audiovisivo del regista Bozzi iniziato nel 2016 e arricchito, in itinere, di nuove testimonianze di chi ha vissuto il dramma della guerra. Il documentario sarà riproposto domenica 28 gennaio, dalle ore 9 alle ore 13, all’Auditorium San Marco in piazza Unità d’Italia, mentre sabato 3 febbraio al centro socioeducativo a Sambucheto alle ore 17.

In quello stesso giorno, ma, alle 16.30, al monumento antistante la chiesa di Santa Teresa di Sambucheto ci sarà la commemorazione per il 70° anniversario della morte di don Ezio Cingolani “apostolo della libertà”. “Ringrazio molto – ha affermato il sindaco Leonardo Catena – Marco Bozzi regista del film-documentario “Non posso dimenticare”, Doriana Fogante e l’Anpi Montecassiano “Oreste Mosca” per avere insieme a noi sostenuto l’iniziativa, così come tutti coloro che si sono prestati ad essere intervistati per il prezioso contributo alla memoria storica locale. Bisogna ricordare per non dimenticare cosa è stato il nazi-fascismo”. Domenica 28 gennaio, l’Amministrazione comunale di Montecassiano riceverà la visita di una delegazione di Gualdo Tadino, città umbra dove venne ucciso il partigiano montecassianese Oreste Mosca che oggi dà il nome alla sezione locale dell’Anpi.

A seguire il link del trailer “Non posso dimenticare”:

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments