Porto Recanati. «Educazione è cosa di cuore»: il 3 febbraio incontro con don Giovanni D’Andrea

Il sacerdote salesiano è il coordinatore nazionale dell’ambito Emarginazione e disagio, Casefamiglia, centri diurni, comunità terapeutiche dipendenze vecchie e nuove, servizi educativi territoriali del Centro Nazionale Opere Salesiane, ed è il presidente della Federazione “Salesiani per il Sociale”

Qual è e com’è cambiato il ruolo dell’adulto nella formazione dei giovani? Se ne parlerà sabato 3 febbraio a Porto Recanati con don Giovanni D’Andrea, ospite del terzo incontro del ciclo «Educazione è cosa di cuore» promosso quest’anno dai Cooperatori salesiani locali per celebrare San Giovanni Bosco attraverso un tema a lui caro e fondamentale qual è l’educazione dei giovani. Il sacerdote salesiano è il coordinatore nazionale dell’ambito Emarginazione e disagio, Casefamiglia, centri diurni, comunità terapeutiche dipendenze vecchie e nuove, servizi educativi territoriali del Centro Nazionale Opere Salesiane, ed è il presidente della Federazione “Salesiani per il Sociale”. Dal 2006 al 2012 don Giovanni D’Andrea ha operato nella sua terra natìa, la Sicilia, nella casa salesiana di Palermo – Santa Chiara che si trova nel popoloso e multietnico quartiere Ballarò, dove ha elaborato per i giovani percorsi di educazione alla legalità, di dialogo interreligioso e di inclusione sociale. Con la Caritas diocesana di Palermo ha inoltre collaborato a un progetto di contrasto del fenomeno della tratta. L’evento, come di consueto, si svolgerà alle 17.30 presso la Biblioteca comunale nell’ex scuola Diaz.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments