Omicidio Pamela: l’impegno della Pars nella lotta alla droga

L’intervento sulla tragica morte

Pubblichiamo il comunicato della Pars in merito alla morte della giovane Pamela Mastropietro.

In merito alle notizie apparse sulla tragica morte di Pamela riteniamo opportuno precisare quanto segue.
Abbiamo piena fiducia negli organi inquirenti, a cui abbiamo dato tutte le informazioni richieste; non intendiamo lasciare la linea di riserbo, per motivi di rispetto e riservatezza nei confronti della famiglia e dei nostri ospiti. Vogliamo comunque esprimere di nuovo cordoglio e vicinanza ai familiari, di cui comprendiamo appieno i sentimenti di dolore, sconforto e rabbia per l’accaduto.

Ci sembra necessario rilevare quanto i fatti portino in primo piano la tragica sottovalutazione del problema droga nel nostro paese: la sua diffusione è la vera causa della devastazione di mente e fisico dei nostri giovani e delle loro famiglie.

La legislazione è inadeguata: non consente una vera repressione dello spaccio, che avviene ovunque nelle nostre città, non promuove una prevenzione efficace nelle scuole e nelle famiglie, non sostiene la cura precoce e specialistica di chi ha questo tipo di problema. La droga oggi è un tabù; non se ne può parlare, non si hanno certezze a riguardo, se se ne parla, tutto è un’opinione come un’altra. Non conta l’allarme dell’Organizzazione Mondiale della Sanità; la cultura prevalente ha normalizzato l’uso delle droghe, senza pensare agli effetti negativi che questo ha sui giovani che finiscono per sottovalutare il pericolo. Non si vede, non si dice o si fa troppo poco nelle scuole e sul territorio per porre rimedio allo sfacelo a cui vanno incontro i nostri giovani sotto l’effetto di queste sostanze; si preferisce tacere e nascondere, sperando che il problema passi da solo; intanto le famiglie interessate non sanno che fare, sono spesso sole ed emarginate; i servizi per le dipendenze agiscono con risorse sempre più scarse.

Le comunità spesso sono lasciate sole a fronteggiare situazioni e casi molto difficili; nonostante l’aiuto che a volte ci viene prestato da forze dell’ordine e servizi di soccorso, che ringraziamo, la legislazione pone limiti chiari e non consente di trattenere nessuno contro la propria volontà nelle comunità terapeutiche; il principio in generale è giusto, ma sarebbe necessario prevedere per legge alternative in altre strutture per casi particolari.

Da oltre trent’anni la Pars lotta contro la droga e i suoi effetti devastanti, con successi e insuccessi, come è inevitabile. Abbiamo richieste di ingresso provenienti da tutta Italia, tanto che non riusciamo a soddisfarle con i pochi posti che la Regione ci concede.

Senza norme e investimenti adeguati, senza un’azione coerente ed efficace di tutti gli organismi (scuola e enti locali, forze dell’ordine e magistratura, servizi sociali e sanitari), il sostegno di mass media e opinione pubblica, la battaglia contro la droga non si può vincere, sono troppo forti le mafie che si arricchiscono con lo spaccio, il crimine e la ricerca dello sballo a tutti i costi.

L’impegno della Pars nella lotta alla droga

Dopo i recenti eventi di cronaca che hanno visto il ritrovamento del cadavere di Pamela Mastropietro, ospite della comunità di recupero Pars, Josè Berdini responsabile ci racconta l'impegno ormai trentennale contro la droga. Ascolta l'intervista andata in onda nell'edizione del TgEmme di ieri.

Pubblicato da EmmeTv su Venerdì 2 febbraio 2018

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments