È online il sussidio per il tempo di Quaresima e Pasqua curato dall’Ufficio Liturgico Nazionale all’indirizzo https://quaresima2018.chiesacattolica.it . Come negli ultimi anni è liberamente consultabile e scaricabile.
Nella presentazione del Segretario Generale della CEI, Mons. Nunzio Galantino, si legge: “La colonna di fuoco è la splendida immagine biblica che il canto dell’Exsultet riprende dalla grandiosa narrazione di Esodo 14, lettura fondamentale della Veglia pasquale. Essa condensa il ricordo della fuoriuscita dall’Egitto: un popolo reso schiavo, senza dignità, scopre la possibilità di un nuovo cammino. Anche nel deserto la luce del fuoco divino accompagna i figli di Israele nel faticoso percorso verso la Terra promessa. Nell’anno del Sinodo sui giovani, che manifesta una particolare attenzione per la ricerca della propria vocazione, il recupero di questa potente immagine della liturgia battesimale risulta di grande suggestione.”

Il Sussidio offre commenti alla Parola di Dio, indicazioni liturgiche e suggerimenti musicali – dal Mercoledì delle ceneri fino alla Domenica di Pasqua – che mostrano la bellezza e la profondità dell’itinerario cristologico pasquale dell’anno B, nell’orizzonte sobrio ed essenziale proprio del tempo di Quaresima, e la ricchezza del Triduo pasquale, vertice dell’anno liturgico (Norme generali per l’ordinamento dell’anno liturgico e del calendario, 18).

La sezione biblica e quella liturgico-celebrativa valorizzano le indicazioni offerte dai libri liturgici, facendo emergere la forza pedagogica della Quaresima, segno sacramentale della nostra conversione (Colletta, Prima domenica di Quaresima), nel predisporre i fedeli alla gioia pasquale.

I commenti biblici evidenziano le caratteristiche proprie del Lezionario anno B; ripercorrono la Liturgia della Parola delle Domeniche di Quaresima e del Triduo pasquale, sottolineandone la relazione con il contesto celebrativo e la dinamica tra le diverse letture.

La sezione liturgico-celebrativa mira a far emergere le caratteristiche proprie di ciascuna celebrazione, senza aggiunte inopportune, a partire dal libro liturgico, dall’eucologia, dalle indicazioni offerte dal Calendario Romano generale e dalla lettera Paschalis sollemnitatis.

Le monizioni iniziali, brevi ed essenziali, si ispirano al tema proprio di ciascuna celebrazione; si propongono, inoltre, indicazioni per l’atto penitenziale, per la preghiera universale, per il prefazio e per la benedizione solenne.

Il sussidio non manca di evidenziare come il linguaggio verbale, in modo particolare riguardo alla Preghiera universale, debba essere sobrio, semplice, misurato e la possibilità di tacere.

Per mettere meglio in luce le caratteristiche proprie di ciascuna celebrazione, vengono valorizzati alcuni gesti/riti, garantendo contemporaneamente la coerenza necessaria tra le diverse celebrazioni dello stesso tempo liturgico.

Una cura particolare è riservata al canto liturgico, attraverso la proposta di canti del Proprio per ogni celebrazione e la valorizzazione del canto del Salmo responsoriale. Quest’anno si propongono, inoltre, nuove melodie per le Acclamazioni al Vangelo.

Infine, il Sussidio vuole valorizzare anche la preghiera oraria della Chiesa, per favorire la celebrazione comunitaria delle ore principali «nelle domeniche e feste più solenni» (SC 100). Si offrono le melodie per gli Inni, le antifone, i salmi e i cantici.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments

CONDIVIDI
Articolo precedenteMacerata. 10 febbraio: come cambia il traffico
Prossimo articoloMacerata. Manifestazione del 10 febbraio: i provvedimenti sulla viabilità
Sono nato nel 1970. Oltre agli studi musicali presso il Conservatorio Statale di Musica "G.Rossini" di Pesaro e alla laurea in ingegneria, ho conseguito i diplomi al Co.Per.Li.M. e al corso biennale "Giovanni Maria Rossi" per direttore di coro liturgico della Conferenza Episcopale Italiana. Collaboro con la Sezione Musica per la Liturgia dell'Ufficio Liturgico Nazionale della Conferenza Episcopale Italiana. Sono docente dei corsi di Musica Liturgica On Line e del COPERLIM. Sono vicedirettore dell'Ufficio Liturgico della Diocesi di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia. Dal 1993 sono maestro direttore della Cappella Musicale della Cattedrale di Macerata.