Macerata. Aiart: il digitale per cercare domande di senso

In programma martedì 13 febbraio alle ore 21.15 l’incontro con il prof. Marcello La Matina

“Contesto digitale e nuove sfide” sarà questo il tema che il prof. Marcello La Matina – semiologo, docente associato di filosofia del linguaggio presso il Dipartimento di Studi umanistici dell’Università di Macerata – affronterà nel corso del terzo appuntamento del ciclo Aiart “open”, organizzato dalla sezione locale dell’Associazione Cittadini Mediali da anni impegnata nell’educazione mediale nelle scuole, nelle parrocchie e nei diversi ambiti istituzionali.

L’iniziativa intende promuovere una sempre maggiore consapevolezza delle dinamiche comunicative contemporanee, poiché il contesto digitale è innanzitutto un nuovo contesto esistenziale ed esige riflessioni antropologiche sui cambiamenti che interessano la qualità delle relazioni, la visione della libertà, la ricerca della verità e chiamano in causa l’idea stessa di persona.

Sono infatti numerosi gli approfondimenti riferiti al funzionamento delle diverse piattaforme digitali o ai pericoli della rete, ma raramente si dedica la giusta attenzione alle nuove sfide che interpellano l’uomo in un tempo senza dubbio ricco di opportunità meravigliose e al tempo stesso confuso, per certi aspetti insidioso. Se è naturale per chiunque rivolgersi al web per trovare la risposta ad ogni interrogativo, questa volta si proverà a invertire la prospettiva: osservare il contesto digitale per individuare le giuste domande, capaci di restituire senso, dignità e profondità alla persona… oltre lo schermo.

Il prof. Marcello La Matina attualmente è anche vicepresidente della Red – Rete per l’Educazione digitale, un insieme di soggetti a vario titolo impegnati nella realizzazione di iniziative e di progetti volti alla diffusione di una corretta educazione mediale, di cui anche l’Aiart è tra i soci fondatori.

L’incontro si terrà martedì 13 febbraio alle ore 21.15, presso i locali dell’Opera Salesiana sita in viale don Bosco 55 a Macerata.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments