Delitto Pamela. Il procuratore Giorgio: «È da escludere che sussista un’ipotesi di antropofagia»

Il Procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha fatto chiarezza sulle ultime indiscrezioni emerse sul delitto di Pamela Mastropietro

Con una nota diffusa poco fa, il Procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha fatto chiarezza sulle ultime indiscrezioni emerse sul delitto di Pamela Mastropietro. Pubblichiamo come segue:

“L’ordinanza di custodia cautelare emessa in data odierna non è stata ancora formalmente comunicata a questo Ufficio e, quindi, al momento non è stata ancora letta, ma solo ascoltata in udienza dalla sostituta procuratrice co-designata per le indagini, mentre il giudice ne dava rituale lettura. Poiché la compagna dell’indagato Oseghale, signora Pettinari non ha riferito, quando è stata sentita come persona informata sui fatti dagli ufficiali di polizia giudiziaria appositamente delegati, ciò che ha poi detto diffusamente ad organi di stampa (una videochiamata all’Oseghale che risultava essere in quel momento in via Spalato, ndr.).

Sono in corso accertamenti sul telefono cellulare sequestrato alla stessa, per verificare l’attendibilità delle complessive dichiarazioni da lei rese e sulla documentazione fotografica, offerta in occasione dell’intervista e sconosciuta al momento a questo Ufficio, nonostante la richiesta avanzatale di fornire tutte le notizie in suo possesso. Il quarto indagato non sta prestando alcuna collaborazione alle indagini.

È destituita di ogni fondamento la notizia relativa all’assenza di significative parti del corpo della Mastropietro che sono state nella stragrande maggioranza recuperate e ricomposte in occasione degli accertamenti medico – legali, eseguiti dal prof. Cingolani. Al momento è da escludere assolutamente: a) che sussista un’ipotesi di antropofagia; b) che si possa parlare di riti voo-doo connessi al decesso della Mastropietro”.

Delitto Pamela. Il procuratore Giorgio: «Non risultano interferenze di organizzazioni criminali extracomunitarie»

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments