Elisabetta Bruti Liberati: donna dell’800 tra Macerata e Londra, raccontata da Donatella Fioretti

Mercoledì 7 marzo, alle ore 17, nella Sala Castiglioni della Biblioteca Mozzi-Borgetti di Macerata, il Centro Studi Storici Maceratesi presenterà il libro della prof.ssa Donatella Fioretti, dal titolo: Dalle Marche all’Europa. il Diario di Elisabetta Bruti Liberati, in viaggio per Londra (1851)

Interverranno, oltre all’Autrice, le professoresse Maria Ciotti e Augusta Palombarini e il prof. Alberto Meriggi che condurrà la manifestazione.

La prof.ssa Fioretti, lo ha trascritto per intero e gli ha dedicato un attento studio, volto soprattutto a scoprire la figura di Elisabetta, le sue origini, i suoi dati anagrafici, la sua figura di donna, tutti elementi che il Diario non rivelava.

Attraverso un’esplorazione delle carte d’archivio Donatella Fioretti è riuscita a mettere in evidenza il personaggio, protagonista di una vita all’epoca per molte donne impossibile. Utili allo scopo sono state soprattutto due lettere che la Fioretti ha rinvenuto nell’Archivio privato della famiglia Compagnoni Marefoschi. L’autrice ha riportato alla luce un diario di viaggio che descrive luoghi, cose, usanze che rimandavano ad un passato che ormai non c’è più. Elisabetta nel 1851 parte da Macerata per un lungo viaggio alla volta di Londra, con al fianco il marito e il cognato, ha solo fini di conoscenza e di svago e vuole scoprire un mondo nuovo radicalmente diverso dal suo.

Il viaggio diventa un continuo confronto tra l’ambiente di Macerata e l’Europa che, comunque, rafforza in Elisabetta la propria identità come “italiana”.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments