Macerata. Scuole chiuse il 1° marzo, pubblicata l’ordinanza per la pubblica incolumità

Per aggiornamenti consultare il sito del Comune www.comune.macerata.it e la pagina facebook http://www.facebook.com/comunedimacerata o l’app CityUser

Anche domani, giovedì 1° marzo, nessuna lezione. L’Amministrazione comunale di Macerata infatti ha nuovamente emesso l’ordinanza per la sospensione delle attività didattiche delle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado compresi gli asili nido comunali a causa delle previsioni meteo e dell’avviso emesso dalla Protezione civile che parlano di nuove precipitazioni nevose tra stanotte e domani mattina e di basse temperature.

Inoltre, dato l’irrigidimento delle temperature, per evitare situazioni di pericolo, i proprietari degli stabili sono tenuti a verificare e rimuovere tempestivamente le eventuali formazioni di ghiaccio che si sono create sulle grondaie, sulle terrazze, cortili privati o su altre sporgenze. A questo scopo è stata emessa dal sindaco un’ordinanza che richiama i proprietari dei condomini, nonché gli amministratori, i conduttori e coloro che esercitino attività di qualsiasi specie in locali prospicienti le strade pubbliche, ad adottare opportune misure per prevenire situazioni di pericolo per la pubblica incolumità.

L’ordinanza dispone che siano tenuti sgombri dalla neve i marciapiedi in corrispondenza degli stabili, da parte dei privati, che debbono provvedere nel contempo alla rottura del ghiaccio e alla sua copertura con materiale antisdrucciolevole evitando lo spandimento dell’acqua passibile di congelamento.

Foto Andrea Mozzoni

Inoltre si rammenta la necessità che i proprietari o gli amministratori o i conduttori di stabili:

a) rimuovano tempestivamente le eventuali formazioni di ghiaccio formatesi sulle grondaie, sui balconi o terrazze o su altre sporgenze, nonché tutti i blocchi di neve o ghiaccio aggettati per scivolamento oltre il filo delle gronde o da balconi, terrazze o altre sporgenze su marciapiedi pubblici o cortili privati, onde evitare pregiudizi alla sicurezza di persone e cose;

b) procedano alla rimozione della neve da tetti, terrazze, balconi o da qualunque posto elevato senza interessare il suolo pubblico. Le operazioni di sgombero – qualora non sia obiettivamente possibile impedire la caduta della neve sul suolo pubblico durante le operazioni di pulizia – devono essere eseguite delimitando preliminarmente e in modo efficace l’area interessata, adottando ogni possibile cautela, non esclusa la presenza al suolo di persone addette alla vigilanza. Salvo il caso di assoluta urgenza, delle operazioni di rimozione deve essere data preventiva comunicazione al Comando della Polizia Municipale.

c) segnalino tempestivamente qualsiasi pericolo con transennamenti opportunamente disposti.

Macerata, corso Cairoli – Foto Andrea Mozzoni

L’ordinanza, infine, dispone che:

1) La neve rimossa dai cortili o da altri luoghi privati non deve essere sparsa e accumulata sul suolo pubblico.

2) Alla rimozione della neve dai passi carrabili devono provvedere i loro utilizzatori.

3) I privati che provvedono ad operazioni di sgombero della neve dal suolo pubblico devono accuratamente evitare di ostacolare, in alcun modo, la circolazione pedonale e veicolare ed il movimento degli automezzi che provvedono alla raccolta dei rifiuti.

4) A chiunque eserciti attività di qualsiasi specie in locali prospicienti sulle strade pubbliche, o ai quali si accede dalle strade pubbliche, è fatto obbligo di provvedere alla costante pulizia del tratto di marciapiede sul quale l’esercizio è prospiciente o dal quale si accede.

Il Comune consiglia inoltre ai pedoni di fare attenzione e di camminare distanti dal perimetro dei palazzi.

Per aggiornamenti consultare il sito del Comune www.comune.macerata.it e la pagina facebook http://www.facebook.com/comunedimacerata o l’app CityUser

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments