Pierluigi Battista. La fine dei partiti, abbaglio della modernità

L'editoriale sul Corriere della Sera di Oggi

Sul Corriere della Sera di oggi Pierluigi Battista descrive la fine dei partiti. E’ un’epoca in cui le persone sono strutturalmente più “sole”. I partiti sembrano sempre più aggregazioni elettorali che punti di riferimento quotidiani con le loro sezioni diffuse in ogni angolo di quartiere. I sindacati fanno fatica nei confronti dei singoli aderenti ormai frantumati tra tanti noi e pochi io. Le parrocchie una volta punto di riferimento con il loro campetto di gioco dove i calciatori più famosi hanno mosso i primi passi oggi sono sempre meno punti di riferimento. Potremo proseguire nell’elenco senza dimenticare la famiglia che una volta comunità di amore,corpo intermedio tra l’individuo e lo stato, oggi spesso sembra essere una gabbia.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments