Sabato 17 marzo scorso è stato presentato il volume Palazzo Antici Mattei di Recanati. La dimora di un’antica e nobile famiglia, il primo di una serie dal titolo “Itinerari segreti in città”.

L’evento, svoltosi con inizio alle ore 17 presso l’Auditorium del Campus Infinito, è stato organizzato dall’Uniper “Don Giovanni Simonetti” e rientra nell’ambito di un progetto editoriale che impegna i vari studiosi e storici recanatesi nel racconto delle antiche dimore aristocratiche della città, dai palazzi ai giardini, alle case di campagna. Responsabile e coordinatrice del progetto è la prof.ssa Carla Moretti, mentre il coordinamento esecutivo è del prof. Paolo Coppari.

Ha introdotto i lavori di presentazione la prof.ssa Aurora Mogetta, Rettore di Uniper, che ha salutato i numerosissimi presenti – molte persone non sono riuscite a entrare nella sala gremita –, tra cui il Generale Terenzio Morena, tra i primi fondatori di Uniper, il vice sindaco Antonio Bravi e l’Assessore alle Culture e P.I. Rita Soccio.

La prof.ssa Mogetta ha ringraziato poi, uno per uno, quanti hanno contribuito alla realizzazione del volume: studiosi, fotografi, coordinatori, e alcuni dei testimoni orali della vita di casa Antici, quelli che nella seconda metà del ‘900 han vissuto accanto ai discendenti di questa nobile e antica famiglia recanatese.

«Un ringraziamento di cuore – ha dichiarato inoltre nei saluti il rettore Aurora Mogetta – va al mecenate che ha permesso di pubblicare il volume: il dott. Alfredo Copertaro».

Il prof. Paolo Coppari, Pro Rettore di Uniper, da parte sua ha sottolineato tra le altre cose due felici coincidenze dell’uscita del volume: la prima è l’anniversario dell’Unità d’Italia; la seconda è il 2018, Anno europeo del patrimonio culturale. Ma la pubblicazione va a coincidere anche con il 30° anno di attività dell’Uniper.

Paolo Coppari, Donatella Fioretti, Aurora Mogetta

A Donatella Fioretti, già prof.ssa di Storia Moderna all’Università di Macerata, è stato affidato il compito di presentare il volume. «Il libro scritto a più mani – ha dichiarato la Fioretti – e che ha richiesto una attenta cura redazionale durata ben oltre tre anni, non trascura alcuno degli aspetti architettonici, decorativi, la collocazione nel contesto urbano, la storia della famiglia con un’attenzione anche ai sentimenti che comprende le due famiglie Antici e Leopardi. Auspicio che analoghe iniziative vengano portate avanti per altri tesori della città».

Stampato dalla Digitech di Recanati, il ricco volume, dopo la Prefazione di Carla Moretti, reca anche una approfondita Introduzione a firma della prof.ssa Paola Magnarelli.

Come definito dalla stessa prof.ssa Fioretti, il libro resterà uno «splendido scrigno di memorie», e si presenta strutturato a tre livelli andando a considerare infatti la famiglia degli Antici, il palazzo e i suoi tesori, e i ricordi, le memorie di coloro che hanno conosciuto nel Novecento gli ultimi discendenti della nobile famiglia.

I testi, rielaborati per l’occasione, provengono dal Corso “I beni culturali del territorio” tenuto in Uniper nell’A.A. 2014/2015, e riguardano le lezioni svolte da Marco Campagnoli, Marco Moroni, Loretta Marcon, Paola Ciarlantini, Jessica Tarducci, Gabriella Carini e Carla Moretti, Antonella Chiusaroli, Antonella Maggini, Nicoletta Frapiccini, Francesco Onofri.

Il vasto e importante apparato iconografico a corredo del libro comprende fotografie di Roberto Buschi, Nicoletta Frapiccini, Stefano Galassi, Francesco Onofri, Mario Onofri e Remo Stortoni.

La revisione redazionale del volume è stata curata da Giuseppe Luppino in collaborazione con Marco Campagnoli, Antonella Chiusaroli, Paolo Coppari e Carla Moretti; mentre Valentina Castellani è la responsabile dell’impaginazione grafica.

«L’aspetto scientifico del volume ha aperto nuovi scenari, posto nuove domande e accesso a nuove forme documentarie che andrebbero approfondite», ha sottolineato giustamente la prof.ssa Fioretti, e «per gli storici il libro rappresenta un impegno a tenere desta l’attenzione dell’opinione pubblica sulla salvaguardia e tutela di questa magnifica dimora Antici Mattei di Recanati».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments