Mercoledì 28 marzo torna come ogni anno l’appuntamento con l’Anffas Open day, manifestazione nazionale promossa da Anffas che quest’anno coincide con i 60 anni dell’associazione nazionale.
Era il 28 marzo 1958, infatti, quando Maria Luisa Menegotto, mamma di un bambino con disabilità, fondava a Roma, insieme ad altri genitori, l’Anffas, con l’obiettivo di ottenere diritti, pari opportunità ed inclusione per i propri figli.
Mercoledì prossimo tutte le strutture associative Anffas d’Italia si uniranno virtualmente per celebrare i 60 anni dell’associazione attraverso iniziative volte a diffondere la cultura dell’inclusione sociale, delle pari opportunità e della non discriminazione.
A Macerata le persone con disabilità, i loro familiari, gli operatori ed i volontari che operano in Anffas accoglieranno la cittadinanza presso il Centro di via Vanvitelli 32, per un pomeriggio celebrativo che considerata la coincidenza con la settimana pasquale si aprirà alle ore 15.00 con la Santa messa celebrata dal Vescovo Monsignor Nazzareno Marconi.
A seguire alle ore 16.30 circa l’attuale Consiglio direttivo di Anffas Macerata, alla presenza delle istituzioni e autorità locali, consegnerà una premio di riconoscimento ai genitori e familiari che nel lontano 1967, sulla scia e con il sostegno di Anffas nazionale, costituirono l’associazione maceratese.
L’evento sarà anche l’occasione per ripercorrere la storia associativa e le conquiste che grazie ad Anffas hanno contribuito a migliorare la qualità di vita delle persone con disabilità e dei loro familiari.
Al termine della cerimonia i ragazzi, le famiglie e tutti gli intervenuti festeggeranno con un momento conviviale ed un brindisi i 60 anni di storia Anffas in Italia celebrando il traguardo raggiunto.
Anffas invita tutti i cittadini a partecipare all’Anffas Open Day per conoscere l’associazione, le famiglie, gli amici che la compongono e le tante attività che ogni giorno vengono realizzate per promuovere un futuro in cui nessuno sia più discriminato a causa della disabilità e in cui vengano garantiti a tutti pari opportunità e piena inclusione sociale.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments