Nell’ambito del progetto Incoming ha avuto inizio ieri il corso “Doing Business In China” organizzato da Confindustria Macerata con il Dipartimento di Relazioni Internazionali dell’Università di Macerata che si articolerà in 10 lezioni da 4 ore ciascuna.
Il corso è tenuto in lingua inglese dalla dott.ssa Cristiana Barbatelli ed è rivolto agli studenti del “Master internazionale” ed alle Aziende associate a Confindustria Macerata, un’efficace collaborazione fra Confindustria Macerata e Università di Macerata per l’Internazionalizzazione delle Imprese.Confindustria Macerata da oltre 13 anni promuove in collaborazione con l’Università di Macerata il progetto Incoming, finalizzato all’inserimento di giovani talenti cinesi, russi, brasiliani e di altri paesi, presso le aziende della provincia, al fine di favorirne la penetrazione commerciale nei grandi mercati emergenti.

A tal fine vengono erogate apposite borse di studio a studenti – opportunamente selezionati – che frequentano il corso di laurea magistrale interamente tenuto in lingua inglese – il primo nella storia dell’Università degli Studi di Macerata – Master’s degree in International Politics and Economic Relations (IPER).

Nell’ambito del master, Confindustria Macerata finanzia il corso di 40 ore sul tema “Doing Business in China”, tenuto dalla dott.ssa Cristiana Barbatelli, maceratese che vive da oltre 30 anni a Shanghai e segue numerose aziende locali e nazionali che hanno interessi in quel mercato.

Il modulo Doing Business in China oltre ad essere seguito dagli studenti è aperto anche a tutte le imprese interessate ed associate a Confindustria Macerata. L’intento del progetto è quello di sostenere i processi di internazionalizzazione nel territorio, promuovendo la creazione di professionalità che costituiscono dei validi punti di riferimento nei rapporti fra aziende locali e paesi esteri dove esistono o si vogliono intraprendere rapporti commerciali.

Le imprese della nostra provincia, fortemente orientate all’export (nell’area moda-calzature esce dai confini nazionali oltre il 90% del prodotto) sono molto apprezzate per la qualità dei prodotti, per la creatività e per l’innovazione; di fronte alla difficile situazione del mercato interno ed all’agguerrita competizione internazionale, risulta necessario individuare nuovi sbocchi commerciali oltreconfine ma anche consolidare la presenza delle aziende sui mercati tradizionali.

La collaborazione con l’Università di Macerata diviene pertanto strategica per l’internazionalizzazione delle imprese locali, favorita dalle relazioni con gli atenei di importanti paesi e dalla capacità di attrarre a Macerata tanti giovani stranieri: una preziosa opportunità che si aggiunge alla rete per l’assistenza sui mercati esteri costituita da Confindustria Macerata con servizi specializzati, una rete internazionale di esperti e i desk di Mosca, Shanghai e New York.

Nel corso degli anni il progetto Incoming ha portato e formato nel territorio circa 80 studenti provenienti da Cina, India, Russia, Brasile ed Est Europa favorendone la collocazione in stage presso le Aziende associate a Confindustria Macerata, con un significativo impatto nell’internazionalizzazione del tessuto produttivo locale.

Per conoscere programma e calendario gli interessati posso consultare http://gpr.unimc.it/Intellectual%20Life/copy_of_doing-business-in-china-spring-2014

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments