Paolo Virzì, dopo “Il capitale umano” e “La pazza gioia”, con una co-produzione italofrancese, attraversa l’oceano per il girare il suo primo film americano: “The Leisure Seeker”, in Italia con il titolo “Ella & John”. Presentato in concorso a Venezia ’74, il film è tratto dal romanzo di Michael Zadoorian, pubblicato in italiano con il titolo “In viaggio contromano”. L’ipotesi di un ricovero che li separerebbe per sempre è il motore che spinge i coniugi Spencer ad intraprendere un viaggio con un vecchio camper anni ’70, con cui andavano in vacanza quando i figli erano piccoli, soprannominato “The Leisure Seeker”. Per una maggiore empatia, afferma il regista, l’itinerario del viaggio è stato spostato: la Route 66 diventa la Old Route 1, come dice ironicamente Virzì “ha lo steso numero della statale Aurelia” e invece che da Ditroit a Disneyland, i due partono dal Massachusetts verso la Florida alla volta di Key West, per visitare la casa di Hemingway.

Sono due grandi attori di straordinario talento ad interpretare un’anziana coppia tanto acciaccata dagli anni quanto innamorata, in una fuga d’amore verso la libertà. Lui, John, è Donald Sutherland che dopo 42 anni da “Il Casanova di Federico Fellini” torna in un film italiano, insegnante di letteratura ormai in pensione, studioso di Hemingway, soffre di Alzheimer, a volte non si ricorda il nome dei figli ma sa ancora guidare. Lei, Ella, è Helen Mirren, l’attrice britannica shakespeariana, la “regina” premio Oscar che qui interpreta una donna dai capelli corti e bianchi nascosti sotto una parrucca ma ancora piena di vitalità. Con Luca Bigazzi alla fotografia, la sceneggiatura è dello stesso Virzì insieme a Francesca Archibugi, Francesco Piccolo e l’autore di “Human Capital”, Stephen Amidon, da cui è stato tratto “Il capitale umano”.

Nonostante le premesse drammatiche, “Ella & John” è un road movie pieno di gioia e di amore. Sulla paura della morte, della finitezza del tempo e della giovinezza prevale l’ironia e la voglia di vivere. E’ una commedia esilarante e dolce, come la definisce Helen Mirren, “questa è la storia più normale e banale, in ogni famiglia, sul pianeta, oggi, c’è una storia così: una piccola storia ordinaria”.

Il film sarà proiettato al cinema Excelsior di Macerata domani, 10 aprile, alle ore 21.30.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments