Il settimanale Credere dedica questa settimana un editoriale a firma di don Antonio Rizzolo alla figura di don Tonino Bello.
Vengono citati alcuni brani riguardo alla pace che il vescovo di Molfetta raccomanda di costruirla non solo intorno ai grandi tavoli delle trattative internazionali quanto nella quotidianità. «La pace si costruisce sul ruvido tavolo del falegname come sul desco del contadino, sulla cattedra dell’insegnante come sulla scrivania dell’impiegato, sullo scanno dello scolaro come sulla mensola della casalinga, sull’impalcatura del metalmeccanico, come in ogni banco impoetico dove si consumano le più oscure fatiche giornaliere».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments