Carissimi,
la situazione diocesana è come sempre in evoluzione. In particolare i cambiamenti dovuti agli effetti del sisma sulle popolazioni e sulle chiese, l’invecchiamento del clero, alcuni confratelli che sono morti in questo anno, altri partiti o in partenza per un impegno missionario fidei donum, la riduzione della presenza di religiosi, ma anche lo sforzo di rinnovare l’azione pastorale tenendo presenti le esigenze di oggi, hanno motivato un serio e complesso ricambio di incarichi e nomine nel nostro clero.
Complessivamente cambiano di incarico almeno 14 preti, mentre almeno altri 8 vedono modificato il loro impegno pastorale.

È un processo iniziato a settembre con molti colloqui personali, con una valutazione collegiale fatta passo passo con il Collegio dei Consultori, con uno studio metodico delle situazioni mutate e delle prospettive di sviluppo delle singole parti del territorio diocesano.

La scelta delle Unità Pastorali, fatta 3 anni fa, si è confermata un aiuto prezioso per affrontare questa situazione complessa in un quadro più chiaro e attento alla realtà.

Devo ringraziare i nostri preti che direttamente o indirettamente sono coinvolti in questi cambiamenti: non ho trovato in nessuno chiusura e rifiuto, tutti hanno accettato di confrontarsi cercando insieme quale era la soluzione migliore per la nostra gente e per un più efficace servizio. Tutti faremo un po’ di sacrificio perché le necessità crescono e le forze diminuiscono, ma se saremo uniti e non consumeremo energie nel combatterci invece di collaborare, potremo fare serenamente tanto bene.

Il quadro del clero

In passivo: da settembre 2017 a oggi
5 – Preti defunti (Monti, Pietrella, Castellani, Ramaccioni, Cocilova)
2 – Padri Missionari della fede hanno lasciato Porto Recanati
1 – Frate minore Parroco lascia S.Francesco a Macerata
1 – Prete del Cammino, Don Lorenzo di Re va a Pescara come sacerdote in prestito tra diocesi.
1 – Prete del Cammino, Don Kristof rientrato a settembre va come sacerdote in prestito tra diocesi a Fermo per seguire le comunità, una parrocchia ed il Centro internazionale
1 – Prete del Cammino, don Andres Mateo torna in patria a Santo Domingo, per ora come Fidei donum
1 – Prete del Cammino, don Gegosh torna in patria in Polonia, per ora come sacerdote in prestito tra diocesi
1 – Prete, d. Sergio Fraticelli ha chiesto dal prossimo agosto per motivi di salute e di formazione un tempo di riposo preghiera ed esperienza in una comunità.
Totale: 13 preti in meno per il servizio in diocesi, rispetto al settembre 2017, a partire dal luglio prossimo.

In attivo: Rientri ed ordinazioni dal settembre scorso
2 ordinati: don Paul Felice e don Luca Poli
1 rientro dalle Filippine: don Honesto
Totale: 3 preti in più per il servizio in diocesi

Saldo: 10 preti disponibili IN MENO per il servizio in diocesi da settembre ad oggi
NB. A motivo dalla salute e dell’età molto avanzata dovranno ragionevolmente ridurre di molto il loro servizio pastorale fin dai prossimi mesi almeno altri 7 sacerdoti. (d. Piergiorgio, d. Guido Cimini, d. Silvano Ilari, d. Silvano Attilio, d. Giovanni Latini, d. Giuseppe Lippi, d. Salvatore Paparoni)
Don Elvio Re, concluso il suo iter giudiziario, per ora farà una esperienza con i Frati Minori.

Rispetto all’anno scorso ci sono almeno
15 sacerdoti in meno

In sintesi: a settembre 2018 rispetto all’anno precedente avremo almeno 15 preti in meno su cui contare per un servizio pastorale stabile.

Tutto questo comporta un necessario cambiamento del lavoro nelle parrocchie, una riduzione della celebrazione di Sante Messe soprattutto la domenica negli orari di punta e della disponibilità di confessori durante tali celebrazioni. Si potranno mantenere alcune celebrazioni, ma cambiando gli orari e sarà necessario aumentare le celebrazioni penitenziali o la disponibilità alle confessioni in altro orario, per permettere comunque ai fedeli di accostarsi alla Confessione.

Tutto ciò comporta una indispensabile ridistribuzione del clero. Se ciò non avvenisse equamente su tutto il territorio diocesano alcune zone sarebbero ulteriormente penalizzate.

A tre settori un’attenzione maggiore
che in passato: pastorale familiare,
ministero della consolazione,
pastorale del turismo

Tre settori pastorali necessitano comunque, anche se abbiamo meno forze di prima, di una attenzione più grande che in passato:

Il primo settore è quello della Pastorale familiare. Il numero di coppie in crisi o di giovani da guidare e sostenere spiritualmente a scegliere il matrimonio è in significativa crescita ogni anno. Va migliorata ed aumentata la formazione umana e soprattutto spirituale. Dobbiamo pensare a strutture e persone che vi si dedichino in maniera centralizzata ed efficiente.

Il secondo settore è quello del Ministero della Consolazione, chiamo così il servizio di accoglienza, discernimento e aiuto spirituale per “consolare gli afflitti”, sia da vere che da supposte vessazioni dello spirito del male. Sono comunque persone che soffrono, che rischiano di finire in mani sbagliate ed il cui numero cresce ogni anno. Anche qui serve preparazione, maturazione, disponibilità di forze.

Il terzo settore è quello della Pastorale del Turismo, che ogni estate fanno passare la cittadina di Porto Recanati da 13.000 abitanti ad una media di 150.000 presenze (dati regionali 2016). La partenza di alcuni sacerdoti da Porto Recanati​ richiede di ripensare questo servizio estivo ed anche la pastorale ordinaria di questa cittadina in forma unitaria, anche per tenere conto delle altre sue emergenze.

Per tutto ciò, con l’accordo del Collegio dei Consultori e la collaborazione piena dei preti interessati, comunico il quadro degli spostamenti con alcune indicazioni delle scelte abitative e di collaborazione pastorale che suggeriamo come ideali.

Entro settembre i cambiamenti
e gli spostamenti

Il tempo, da ora a settembre, permetterà di coordinare gli spostamenti ed attuare il passaggio delle consegne, specificare i testi delle nomine insieme con il nuovo Vicario Generale ed il Segretario Generale che mi coadiuvano in specifico: per seguire i problemi pratici, giuridici, economici dei preti, con particolare attenzione alle Case del Clero ed alle varie convivenze nelle Canoniche.

Il quadro degli spostamenti

Parrocchia

Parroco attuale Parroco futuro

Collaboratore

S. Madre di Dio  d. Andres Matejo Alejo d. Juan Carlos Munoz Caceres
Buon Pastore d. Gennaro De Filippi d. Egidio Tittarelli P.Noel e P.Aurelien padri francescani
S. Francesco a Macerata P. Marco Buccolini P. Noel Achi P. Aurelien vice
Sacro Cuore d. Ariel Veloz Mendez d. Gennaro De Filippi d. Piergiorgio Copparo (confermato)
Immacolata d. Egidio Tittarelli d. Andrea Leonesi d. Luigi Taliani
d. Piero Tantucci
d. Giacomo Pompei
confermati vice parroci
Santa Croce d. Alberto Forconi d. Alberto Forconi d. Pietro De Micheli Vice parroco
d. Enzo Buschi Collaboratore
Nuovo Cappellano indiano
La Pace Santa Maria del Monte d.Gianluca Cerolini

d. Francis Praveen Kurisingals

d. Gianluca Cerolini d. Jorge Trinidad
Spirito Santo Tolentino d. Sergio Fraticelli d. Diego Di Modugno d. Vitantonio Zecchino Vice parroco
Santa Famiglia Tolentino d. Diego Di Modugno d. Diego Di Modugno d. Vitantonio Zecchino Vice parroco
S.Catervo d. Gianni Compagnucci D. Gianni Compagnucci d. Rafael Ranchal
d. Honesto Alcantara
S.Francesco, le Grazie, Cappuccini, San Giuseppe​ d. Andrea Leonesi d. Ariel Veloz Mendez d. Rafael Ranchal
d. Honesto Alcantara
Porto Recanati Prez.Sang. e Oratorio d. Lorenzo Di Re d. Gabriele Crucianelli d. Luca Beccacece
d. Luca Poli
Porto Recanati S. Giovanni e Scossicci d. Roberto Zorzolo d. Gabriele Crucianelli d. Nazzareno
Castelnuovo, Bagnolo ed Addolorata  d.Ignazio
d.Roberto
d.Fabio Olano
Montefano Montefiore d. Iagnesh Konganawor Shantappa

d.Fabio Olano

d.Eugenii

d. Iagnesh Konganawor Shantappa d.Eugenii
S. Domenico e Montemorello d. Alejandro Parrilla Gonzales d. Roberto Zorzolo Frati Cappuccini
Cristo Redentore e Chiarino d.Rino Ramaccioni d.Rino / d.David Diacono Samuele
Treia-Passo Treia d.Gabriele d. Alejandro Parrilla Gonzales d. Manuel
P. Luciano Frate Minore, collaboratore a S. Lorenzo
Urbisaglia d.Marino Mogliani d.Marino Mogliani Futuro Diacono Fabio Piombetti come collaboratore

 

NUOVI INCARICHI DIOCESANI

Inizio della costituzione del Centro diocesano per la famiglia “Buon Pastore”, nelle strutture di Collevario, con la collaborazione dell’Ufficio di Pastorale Familiare, delle ONLUS “La goccia” e “Consultorio il portale”… diretto da Don Egidio Tittarelli.

Inizio della costituzione del Servizio diocesano, “Ministero della Consolazione”. Si provvederà alla necessaria formazione teologica, spirituale, medica e psicologica degli incaricati, per costituire un gruppo di ascolto ed orientamento per le persone preoccupate da occulto, magia, demoniaco, sotto stretto coordinamento diocesano ed in collaborazione con un progetto di Metropolìa. Necessaria collaborazione con medici e psichiatri secondo le indicazioni della recente lettera della Congregazione per il Culto ed i Sacramenti. Accanto a Diaconi, Consacrati e Laici da individuare ne faranno parte: d.Ariel Veloz, d.Igino Tartabini, d.Gianluca Cerolini. L’unico esorcista diocesano resta d. Attilio Marinsalti. Sarà nominato entro l’anno un secondo esorcista che lo affianchi.

Per la pastorale dei turisti e vacanzieri, le parrocchie di Porto Recanati chiederanno la collaborazione volontaria dei nostri sacerdoti disponibili, stipulando un accordo con uno o più collegi romani per la presenza estiva di sacerdoti stranieri loro studenti come celebranti e confessori.

D. Roberto D’Annibale sostituisce d. Gianfranco Ercoletti come Assistente Spirituale della Caritas Diocesana. Offrirà la sua collaborazione anche per seguire spiritualmente i giovani del Servizio Civile ed i soci e collaboratori della Onlus “Rampa Zara” e Cooperativa “Rapadura”.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments