A Macerata la prima tappa del «Giro d’Italia delle donne che fanno impresa»

Il Giro d’Italia delle donne cha fanno impresa è partito da Macerata. Ieri, lunedì 28 maggio, presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Ricci”, la Camera di commercio di Macerata, in collaborazione con il Comitato per la promozione dell’imprenditorialità femminile, ha organizzato il primo appuntamento della manifestazione itinerante del 2018.

L’obiettivo è informare le imprenditrici e offrire strumenti formativi a chi aspira a diventarlo, dare visibilità alle dinamiche che riguardano l’occupazione femminile e creare consenso sul tema delle pari opportunità.

«È un onore che ad aprire l’undicesima edizione del road show nazionale sull’imprenditorialità femminile – ha dichiarato il presidente dell’ente camerale Giuliano Bianchi – sia la nostra realtà. E lo faccia con un workshop dal titolo evocativo Impresa Rosa in Azione – Reti per l’Innovazione e l’Alternanza Scuola-Lavoro. Titolo che rimanda a temi chiave come la digitalizzazione e l’orientamento, le competenze obbligatorie a cui sono chiamate a rispondere le Camere di commercio, nella nuova fase di ridisegno organizzativo».

Nel corso della giornata sono state presentate anche due misure molto interessanti: il bando voucher digitali e il bando per l’alternanza scuola-lavoro.

«Con entusiasmo collaboriamo attivamente alla proposizione di iniziative alla Camera di commercio – ha affermato la presidente del Comitato per la promozione dell’imprenditoria femminile Patrizia Tiranti – coniugando lo sviluppo dell’imprenditoria locale in ottica di genere. E con lo stesso entusiasmo abbiamo accolto l’idea della tappa perché pensiamo che questa giornata contribuisca a far conoscere a livello nazionale i risultati concreti del nostro impegno e anche ad avvicinare le giovani studentesse a dei settori finora ritenuti solo maschili. Così da favorire l’orientamento professionale, incoraggiare e rafforzare la fiducia delle ragazze nelle proprie capacità, sfruttando al meglio le opportunità del digitale».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments