Tolentino: torna la festa del Sacro Cuore

Venerdì 8 giugno, promotrice la Confraternita dei Sacconi

di Andrea Carradori

Il terremoto ha “crepato” anche tante feste locali nei paesi dell’entroterra maceratese, e Tolentino non si sottrae alla tendenza; tuttavia emerge qualche segno di speranza. Riprende infatti la festa del Sacro Cuore a Tolentino organizzata dalla Confraternita detta dei Sacconi, dall’Unità Pastorale 10 e dal Comitato del Centro Storico.

Venerdì 8 giugno 2018: festa del Sacro Cuore nell’omonima chiesa in via Corridoni, restaurata grazie al contributo finanziario del Governo ungherese e riaperta il 9 dicembre 2017.

Alle ore 18,30 ci sarà la Santa Messa  celebrata da mons. László Németh, presidente della Fondazione di Santo Stefano Re d’Ungheria e coordinatore nazionale degli ungheresi in Italia. Il soprano Anna Maria Mazza Paoloni eseguirà scelte musiche. All’Organo ottocentesco restaurato suonerà il M° Luca Migliorelli.

Giungeranno alcune Confraternite dei paesi terremotati limitrofi.

Alle ore 21 ci sarà la Santa Messa Cantata celebrata da don Andrea Leonesi, Vicario generale della Diocesi. La Schola Cantorum “Santa Cecilia” di Corridonia diretta dal Maestro Alessandro Pucci eseguirà la Messa composta da Charles Gounod in Do Maggiore, un capolavoro di musica “ceciliana”.
Saranno eseguiti anche alcuni mottetti di musica polifonica classica.

Al termine della Messa don Leonesi saluterà tutte le confraternite intervenute donando loro un ricordo della festa ripristinata.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments