Con la consegna del frutto del loro lavoro, uno speciale numero unico dal titolo “Il Corriere dell’Infinito”, si è conclusa la seconda edizione del progetto sul giornalismo che ha coinvolto gli studenti delle classi seconde delle scuole secondarie di Primo grado di Recanati “M.L. Patrizi” e “San Vito”.

Dopo un primo approccio teorico ai principi e agli “strumenti del mestiere”, i ragazzi delle sette classi, guidati dalle giornaliste Eleonora Tiseni e Paola Acciarresi, hanno dato vita, seppur a distanza, a un’unica grande redazione. Le giovani “penne” sono state incoraggiate ad allenare la curiosità e la capacità di approfondire alcuni aspetti del mondo intorno a loro, lavorando insieme, confrontandosi e correggendosi, facendo così esperienza di tutte le fasi del lavoro giornalistico, dalla ricerca della notizia alla correzione delle bozze. Il risultato è un giornale cartaceo di dodici pagine nelle quali trovano spazio articoli di Inchiesta, Cronaca, Esteri, Cultura, Sport e Rubriche, tutti scritti dagli studenti.

Come accade al termine di un percorso, vanno fatti doverosi e allo stesso tempo sinceri ringraziamenti: alla famiglia Casali e allo staff del Gruppo Pigini, per la generosità che ha reso possibile la realizzazione e la stampa delle copie della pubblicazione che andranno a tutti gli studenti e al corpo insegnante dei due Istituti. I ragazzi protagonisti del progetto, inoltre, sono stati ospiti della Rotopress e della Eli Edizioni e hanno potuto assistere all’affascinante lavoro della rotativa e visitare i reparti dell’azienda. Nulla sarebbe stato possibile, inoltre, senza la fiducia del comune di Recanati, del sindaco Francesco Fiordomo e dell’assessore alle Culture e alla Pubblica Istruzione Rita Soccio, e la costante collaborazione di Francesca Senigagliesi e Paola Scorcella, docenti referenti e forti sostenitrici del progetto.

Un grazie particolare, per il concreto supporto, va alle insegnanti di italiano delle classi che hanno partecipato: Maria Teresa Cialli, Paola Jorini, Letizia Doffo, Catia Piccinini, Maria Francesca Rombini, Isabella Bottazzi e Donatella Papini.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments