Rifiuti. Sulla costa maceratese la raccolta differenziata non va in vacanza

cof

“La raccolta differenziata non va in vacanza”. Con questo slogan parte la campagna informativa sul sistema di raccolta differenziata adottato dal Cosmari, rivolta a turisti e villeggianti dei tre comuni costieri della provincia di Macerata.

Nel corso di una conferenza stampa odierna nella sala della Giunta del Comune, il Cosmari srl ha presentato la consueta campagna estiva di comunicazione, presenti il vicesindaco di Civitanova Marche e assessore alla Rigenerazione Urbana Fausto Troiani, l’assessore all’Ambiente del Comune di Potenza Picena Tommaso Ruffini, Marco Ciarulli di Legambiente Marche e il direttore del Cosmari Giuseppe Giampaoli.

Come tutti gli anni, nei mesi estivi verrà distribuito materiale informativo rivolto a tutti coloro che scelgono di trascorre le loro vacanze a Civitanova Marche, Porto Potenza Picena e Porto Recanati. Locandine e depliant con una grafica rinnovata, curata da Katia Fidani per Kbrush, riportano le modalità di conferimento dei rifiuti adottate in ogni singolo comune oltre alle informazioni utili per reperire i sacchetti, gli orari di apertura dei Centri di raccolta, l’ubicazione delle cosiddette “isole estive”, i numeri utili per avere informazioni o per prenotare a domicilio il ritiro degli ingombranti. L’intento, come sempre, delle Amministrazioni comunali e del Cosmari è quello di sensibilizzare i turisti e i villeggianti sul corretto smaltimento dei rifiuti, evitando abbandoni e cercando di preservare sia l’ambiente che l’immagine complessiva delle località balneari.

A tutto questo si affianca il “Progetto Mare” che ormai da diversi anni vede Cosmari e gestori degli stabilimenti balneari collaborare insieme per favorire la raccolta differenziata anche in spiaggia. Infatti, tutti gli anni, tra gli ombrelloni, vengono istallati punti di conferimento riservati ai bagnanti per il giusto conferimento differenziato dei rifiuti. Questo progetto, insieme alle alte percentuali della raccolta differenziata sinora raggiunte, contribuisce, insieme ad altri importanti parametri, all’attribuzione della Bandiera Blu.

«Per quanto riguarda Civitanova, molto il lavoro è stato fatto. In un anno abbiamo riorganizzato totalmente la parte organizzativa, gestionale e operativa del Servizio comunale – ha spiegato Troiani – e abbiamo trovato molti vantaggi. Dopo le difficoltà iniziali notiamo un netto miglioramento, e siamo molto soddisfatti. La prevenzione è importantissima, ma purtroppo siamo costretti anche ad intervenire con le sanzioni per arginare comportamenti incomprensibili di abbandono dei rifiuti da parte di alcuni cittadini».

«Le Amministrazioni lavorano per promuovere il miglioramento della qualità della raccolta
differenziata – ha detto Ruffini – ma anche a favorire la riduzione della produzione dei rifiuti
esaltando la pratica del riuso. Diffondere anche le buone notizie è utile per dare messaggi e
esempi positivi da poter emulare».

Nei prossimi giorni, Legambiente Marche presenterà anche la nuova campagna promossa dal Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi) di carattere itinerante, giunta alla quinta edizione e che viene proposta nei singoli comuni tramite attività ed eventi organizzati da Legambiente. Questa iniziativa si fa carico della volontà di Legambiente, delle aziende e delle amministrazioni di rendere i cittadini sempre più attivi, consapevoli dell’importanza di conservare il proprio patrimonio culturale e ambientale per poi trasmetterlo alle generazioni future.

«Ricordiamo – ha detto Ciarulli – che Macerata è una delle province più Riciclone d’Italia con una media di raccolta differenziata del 75% e che i Comuni di Civitanova Marche, Potenza Picena e Porto Recanati sono all’avanguardia sia per percentuale di raccolta differenziata che per qualità del servizio con la raccolta porta a porta domiciliare effettuata, a Civitanova e Porto Recanati».

Il direttore Giampaoli ha sottolineato il grande lavoro del Cosmari, un’azienda in continua crescita che dà lavoro a oltre 500 persone. «Il dato della differenziata a Civitanova relativo al mese di giugno si attesta intorno al 72,9%, questo va precisato per mettere a tacere le polemiche inutili. D’esate la costa ha un picco in discesa dovuto al calcolo dello spiaggiato, ma la provincia di Macerata resta la più virtuosa della Regione e questo è un vanto per l’azienda e per gli amministratori».

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments