Recanati. In 3600 contagiati dalla “febbre gialla” della 6alle6 2018

Le due cooperative sociali recanatesi, Terra e Vita e La Ragnatela, riceveranno l’intero ricavato della manifestazione.

(Foto Roberto Flamini da pagina Facebook 6alle6)

Ben 3600 partecipanti al via – al suono delle campane a festa -, circa 800 quelli provenienti dai comuni limitrofi, 400 bambini più o meno assonnati, oltre 100 amici a quattro zampe, con tanto di bandana e kit dedicato: sono solo alcuni dei numeri della terza edizione della “6alle6” che si è svolta domenica 22 luglio a Recanati. Ma se ci fermassimo ad essi, entusiasmanti e in costante ascesa rispetto agli anni precedenti, si perderebbero gli aspetti che rendono la corsa o camminata non competitiva ideata e organizzata dal Grottini Team, capitanato da Paolo Bravi, un’occasione in cui una variegata comunità si ritrova, si conosce e si riconosce. Non solo, fa anche beneficienza alle due cooperative sociali recanatesi, Terra e Vita e La Ragnatela, che riceveranno l’intero ricavato della manifestazione.

«Mai come quest’anno si sono raccolte in Piazza Leopardi intere famiglie, con passeggini e animali – afferma commentando il successo Paolo Bravi – a dimostrazione di come, oltre la spinta della solidarietà, la “6alle6” sia diventato un momento di socializzazione importante, qualcosa che forse mancava e che grazie alle sue caratteristiche permette a tutti di sentirsi protagonisti».

(Foto Roberto Flamini da pagina Facebook 6alle6)

Proprio queste peculiarità hanno spinto la FIDAL (Federazione Italiana Di Atletica Leggera) a patrocinare la “6alle6” e a inserirla nel calendario nazionale, premiandola in quanto evento di aggregazione di grande interesse. Il serpentone verde – colore scelto quest’anno per le magliette dopo il giallo e il rosso – ha attraversato il Centro storico recanatese tra luoghi celeberrimi e alcuni vicoli sconosciuti ai più, seguendo un percorso diverso rispetto ai precedenti. «Ogni anno cerchiamo di introdurre delle novità prendendoci anche qualche rischio – spiega Bravi -, abbiamo toccato i due estremi del Centro, Monte Volpino e Monte Morello, e come da tradizione abbiamo attraversato i due parchi cittadini, Villa Colloredo e il Colle dell’Infinito; siamo inoltre passati per Sant’Agostino – dove i passi sono stati accompagnati dalla musica di un pianoforte a coda – e per via dei Cappuccini, i quali hanno aperto il cortile e ci hanno fatto uscire da un portone che molti recanatesi nemmeno conoscevano». Basta poco per scoprire nuova bellezza, «anche solo cambiare il verso di percorrenza di una via, una salita o una discesa apre scenari inediti che altrimenti non si potrebbero ammirare – prosegue Bravi -, ad esempio abbiamo percorso il Colle dell’Infinito al contrario rispetto alle scorse edizioni, e se prima ci lasciavamo Recanati alle spalle, quest’anno si vedevano i tetti della città».

(Foto Roberto Flamini da pagina Facebook 6alle6)

Oltre al Grottini Team e alla VKN, in prima linea nell’organizzazione, anche altre realtà associative del territorio sono state coinvolte nella manifestazione: la Civica Scuola di Musica “Beniamino Gigli”, con sette punti musicali allestiti lungo i sei chilometri, il Fotocineclub Recanati e l’Happiness Group, che ha curato l’animazione alla conclusione.
Si guarda già al 2019, con la squadra al lavoro per la quarta edizione.

(Foto Roberto Flamini da pagina Facebook 6alle6)
Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments