La pressione dei Social crea stress nei Teenager

Leggendo le statistiche sulla vita dei teenager si coglie subito un forte legame tra la loro esistenza, gli smartphone e i social network, quasi un vestito cucito addosso ai ragazzi. Ci si preoccupa molto da parte degli educatori, genitori, e insegnanti di una generazione di 16enni che comunicano troppo tramite i social. Chi non lo fa si sente escluso dal gruppo o addirittura dalla società. Vediamo come il 90% di loro dichiara di non potersene privare ma si teme i cyberbulli. Un ben 52% non posta superficialmente un eccessivo numero di contatti con timore di essere messi sotto pressione. Vediamo velocemente alcuni dati che ci permettono di confrontare gli atteggiamenti dei giovani italiani con quelli del mondo. I teenager in Italia che hanno un account social sono il 93% contro l’86% del mondo, e gli Italiani si preoccupano di avere un accesso continuativo ad internet pari ai 59%, contro il 65% del resto del mondo. I teenager del nostro paese che sono preoccupati di subire atti di bullismo sono il 49% mentre all’estero la percentuale scende al 25%. Mentre nella vita reale in Italia il 17% è stato vittima di bullismo contro il 42%, il cyberbullismo ha colpito in Italia il 9%, nel mondo il 19%. In fine il 52% teme che le loro foto o storie postate possano danneggiare il loro futuro. Questi dati confermano ancora una volta gli “ambienti” che i nostri adolescenti frequentano spesso, tale frequentazione rischia di essere sottovalutata dagli adulti. E’ necessario rieducarci tutti a frequentare i Social per non lasciare i giovani soli con la loro vita.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments