Domenica 4 novembre nella Basilica del Santuario di Loreto un folto gruppo di fedeli provenienti da Macerata si sono consacrati al Cuore Immacolato di Maria.

I pellegrini, guidati e accompagnati dai membri dall’Associazione Mariana “Regina dell’Amore” avevano alle spalle circa un mese di preparazione, durante il quale hanno partecipato a  incontri di catechesi tenuti dai responsabili dell’Associazione. A Loreto hanno pronunciato il loro “Eccomi” nella Santa Casa, il luogo dove la Vergine Maria ha pronunciato il suo «Eccomi» a Dio.

I pellegrini sono partiti in pullman da Macerata, predisponendosi, in clima di preghiera, a ricevere questo grande dono. Arrivati nella città mariana, dopo l’accoglienza e il discorso introduttivo della Fondatrice e Responsabile dell’Associazione, si sono avviati in processione intorno al Santuario, con canti e riflessioni, fino ad entrare nella Basilica Inferiore.

Durante il cammino i consacrandi hanno continuato la preghiera, ascoltato catechesi e testimonianze, tra cui la testimonianza di Maria Teresa Riz, Responsabile dell’Associazione in Val di Fassa, nonché il saluto di monsignor Fabio Dal Cin, Arcivescovo Prelato di Loreto, che ha posto l’accento sull’importanza e il significato di questo atto fatto proprio nel luogo dove la Madonna è vissuta.

Il momento culminante è stato vissuto alle ore 12 con la solenne Celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo di Macerata Nazzareno Marconi, che nell’omelia ha posto l’accento

sulla parola «Ascolta!». Solo attraverso l’ascolto è possibile percepire e riconoscere la voce di Dio nel profondo del cuore. Là dove nessuno cerca e nessuno arriva, quando il peccato è vicino e incombe, nella profondità del cuore, se si ascolta, si può cogliere la voce dello Spirito di Dio.

Al termine della Celebrazione eucaristica, i consacrandi accompagnati dal Vescovo, dai sacerdoti presenti, dai responsabili e membri dell’Associazione, in processione si sono recati nella Santa Casa dove hanno Solennemente recitato l’atto di affidamento al Cuore Immacolato di Maria.

Una giornata densa di momenti forti che si è conclusa, dopo il momento conviviale, con le testimonianze degli stessi neo consacrati, dove si potuto nuovamente mettere un punto fermo e saldo nella consapevolezza che Maria, la Madre Celeste sta operando nella nostra società richiamando tutti ad affidarsi a lei.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments