La Form nei luoghi del terremoto con “la musica racconta”

Da domani a venerdì, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana suona per le scuole dell’alto maceratese

Nuovo progetto della FORM rivolto alle scuole. Per quattro giorni,
da domani 13 novembre, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana si esibirà per gli studenti dell’alto maceratese: si parte con Camerino nell’auditorium della scuola “Salvo D’Acquisto”, quindi mercoledì a Belforte del Chienti, nel tendone della Croce Bianca- Protezione civile, giovedì nella sala polivalente “A. Tonelli” di Caldarola per concludere venerdì 16 novembre al Teatro Feronia di San Severino Marche.
Il programma inizia con I musicanti di Brema, la nota fiaba dei fratelli Grimm messa in
musica nel 1957 con grande forza espressiva dal compositore americano Bernard Rogers
per voce narrante e piccola orchestra. Dopo questa divertente e istruttiva storia di riscatto
e libertà che vede protagonista anche Enrico Marconi come voce recitante, si prosegue
con Ma Mere l’Oye (Mia madre l’oca) di Maurice Ravel; Peer Gynt di Edvard Grieg e Lo
schiaccianoci di Pëtr Il’ič Čajkovskij, per trascinare i piccoli spettatori nel mondo della
fantasia e dell’immaginazione. L’orchestra, in questi racconti musicali, viene diretta da
Mirco Barani.
Il progetto, dal titolo Suoni per la rinascita, si inserisce nell’ambito di Marche InVita. Lo
spettacolo dal vivo per la rinascita dal sisma, sostenuto dall’intesa Mibact e Regione
Marche, con il coordinamento del Consorzio Marche Spettacolo, il patrocinio dei Comuni di
Cessapalombo, Belforte del Chienti, Serrapetrona, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone,
Camerino, San Severino Marche e la collaborazione degli istituti comprensivi “De
Magistris” di Caldarola, “Ugo Betti” di Camerino e “Mons. Paoletti” di Pieve Torina.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments