Giornata mondiale dei poveri. Papa Francesco: “Ascoltare il loro grido”

"Questo povero grida e il Signore lo ascolta", è il tema della II Giornata Mondiale dei Poveri che si celebrerà domenica 18 novembre

“Questo povero grida e il Signore lo ascolta”, è il tema della II Giornata Mondiale dei Poveri che si celebrerà domenica 18 novembre. Sono le parole del Salmo 34 che fanno da cornice al messaggio che papa Francesco ha voluto proporre alla Chiesa riassumendole i tre parole: il gridare del povero, il rispondere del Signore e la liberazione dei poveri. Nel messaggio il Pontefice scrive:” Spesso, ho timore che tante iniziative pur meritevoli e necessarie, siano rivolte più a compiacere noi stessi che a recepire davvero il grido del povero”.

Inoltre stigmatizza chi usa per i poveri”parole” di rimprovero, sottolineando che il modo di vivere del cristiano è diverso da quello del mondo”che emargina i poveri e li considera uno scarto e una vergogna”, mentre i discepoli di Cristo sono”chiamati a dare loro la precedenza”. Francesco sottolinea il fatto che spesso si rivolgono ai poveri “parole di rimprovero”, come già sottolineato, e “non aiuti a tacere e sentire”, voci “stonate spesso determinate da una fobia per i poveri,considerati non solo come persone indigenti,ma anche come gente portatrice di insicurezza,instabilità,disorientamento nelle abitudini quotidiane”, e per questo da “respingere” creando una distanza “tra sé e loro” senza rendersi conto che così facendo si è distanti da Dio. E questo perché – aggiunge il Papa – “i poveri sono i primi abilitati a riconoscere la presenza di Dio”, sebbene “per superare l’opprimente condizione di povertà, è necessario che essi percepiscano la presenza di fratelli e sorelle che si preoccupano di loro e che, aprendo le porte del cuore e della vita, li facciano sentire amici e famigliari”.

In conclusione c’è l’invito ai vescovi,sacerdoti,diaconi,consacrati a vivere la Giornata Mondiale come momento privilegiato di nuova evangelizzazione.

Print Friendly, PDF & Email

Comments

comments